Foto Leaked: in rete la scocca dell’iPad Mini Retina e una custodia per iPad 5 (Aggiornato)

ARTICOLO DI SEBASTIANO BAZZANELLA

Alcune interessanti foto “trafugate” riguardanti la futura generazione di iPad si stanno facendo largo nella rete. Il primo set fotografico riguarda la presunta scocca dell’iPad Mini con display Retina, diffusa direttamente dall’interno delle fabbriche partner diApple, del tutto simile al modello di prima generazione ma, secondo alcuni, più spessa di qualche millimetro. Oggi invece spunta in rete la prima presunta custodia per iPad 5, progettata – stando a quanto riferito dalla fonte – seguendo i disegni “ufficiali” di Apple: dai contorni della custodia si deduce il nuovo design dell’iPad 5, che richiama – a conferma di precedenti rumor – l’estetica dell’iPad mini.

Sarà davvero la scocca dell’iPad mini Retina? Le foto sono state pubblicate sul popolare forum cinese di Weiphone e provengono quasi sicuramente dall’interno di una delle fabbriche cinesi della “Catcher Technology Co.“, azienda che fornisce da sempre i case in alluminio dei più rinomati prodotti Apple (dai MacBook all’iPad). Le foto ritraggono in varie prospettive quella che a prima vista sembra in tutto e per tutto una scocca metallica dell’attuale iPad mini bianco, fatta eccezione per lo stano logo e le scritte blu (ma potrebbe essere un semplice adesivo protettivo).

Qualcuno però c’ha visto un iPad mini Retina. Così come l’iPad di terza generazione è più spesso di qualche millimetro della versione precedente per accogliere il nuovo display e la batteria maggiorata, anche un nuovo ipotetico iPad mini con display Retina – sulla bocca di numerosi rumor – dovrebbe esser leggermente più spesso dell’attuale generazione. Ovviamente il confronto partendo dalle foto non è semplicissimo, ma come già detto, qualcuno quel millimetro in più è riuscito a vederlo – forse scordando però che il lato a contatto con il vetro dello schermo viene levigato prima dell’applicazione. Sotto un confronto:

Oggi arriva in rete anche la prima foto di una custodia per iPad 5. La diffonde il produttoreMiniSuit [via MacRumors] che l’ha progettata seguendo le “specifiche diffuse da una fonte fidata”. Il nuovo iPad si presenta come una versione più grande dell’attuale iPad mini:spessore ridotto, bordi – finalmente! – più arrotondati, speaker stereo, porta Lightning, e l’aggiunta di un microfono posteriore, così come l’iPhone 5. La data di rilascio, secondo la stessa fonte, sarebbe fissata per giugno prossimo.

Ecco come apparirebbe a confronto di iPad mini e iPad 4:

AGGIORNAMENTO:

I ragazzi di 9to5mac sono riusciti ad ottenere nuove fotografie in alta definizione di un’altra custodia per iPhone 5, che suggerisce il medesimo design simil-iPad mini. Qui la galleria completa.

iPad mini 2 le prime foto

Sarà questa la scocca del prossimo iPad Mini?

 

Mentre nel web girano voci riguardanti un probabile nuovo prodotto realizzato da Apple, identificato come iWatch, qualche giorno fa sono apparse alcune foto che sembrerebbero avere per protagonista il nuovo modello di iPad Mini.

ipad_mini_2_shell_1

Forse, se dovessimo seguire le nomenclature di Apple, è meglio chiamarlo iPad Mini con Retina Display ma sicuramente il case che vediamo nelle foto sembra essere molto simile alla versione attuale. Simile ma non uguale, perché dall’angolazione in cui sono state scattate le foto lo spessore risulterebbe leggermente maggiore, ma ripeto, potrebbe essere semplicemente una impressione.

E’ anche vero che il “presunto” spessore potrebbe essere giustificato dall’arrivo del retina display o di un probabile aumento della batteria. Sicuramente molti ricordano che durante il passaggio tra l’iPad 2 e il modello successivo di terza generazione, che ha appunto introdotto il retina display, il secondo ha guadagnato circa 0.6 millimetri, pochi se pensati guardando un righello ma sicuramente molti se pensiamo che alcune cover per l’iPad 2 non potevano essere usate con il “nuovo iPad”.

ipad_mini_2_shell_2

Un elemento strano di queste foto è sicuramente la presenza della mela e delle scritte di colore blu, ma secondo quanto riporta giustamente MacRumors potrebbe semplicemente essere uno dei passaggi per ottenere l’effetto traslucido della mela caratteristica anche dell’attuale generazione di iPad Mini. Anche in questo caso è possibile valutare una seconda ipotesi, ovvero la possibilità che Apple stia prendendo in considerazione l’inserimento nella prossima generazione di più colorazioni rispetto al classico nero e bianco, come già successo per l’ultima generazione di iPod Touch.

Chromebook Pixel, il MacBook Pro Retina secondo Google! [Video]

 

Il video girava già da qualche giorno e proprio ieri Google ha ufficializzato il tutto presentando con gran sorpresa il suo Chromebook, realizzato senza partnership o aiuti. Il nome è Chromebook Pixel e le particolarità di questo prodotto sono sostanzialmente due: lo schermo con una qualità molto simile a quella del retina display e lo schermo totalmente touchscreen.

Schermata 2013-02-22 alle 00.27.09

Design

Prima di parlare dello schermo “retina” e touch diamo uno sguardo al design di questo nuovo prodotto realizzato da Google. Sono tante le analogie con il MacBook Pro, almeno guardandolo frontalmente e chiuso lo richiama molto, ma le cose cambiano guardandolo da dietro.

Schermata 2013-02-22 alle 00.40.23

Lungi da me nell’affermare che il retro ricorda tanto i portatili di una volta che avevano bisogno della cerniera esterna per chiudersi e aprirsi, sicuramente in questo caso è stato realizzato per gusto estetico ma personalmente non mi piace molto, in primis perché non riesco a immaginare delle custodie che potrebbero facilitarne la copertura e il trasporto e in secondo luogo portato in borsa o in una sleeve potrebbe essere molto delicato e quindi subire rompersi con molta facilità.

Schermata 2013-02-22 alle 00.44.19

Come noterete sono leggerissime le curvature, le troviamo solo negli angoli mentre sul retro il segno è molto netto e molto squadrato rendendo l’effetto nel complesso non molto bello da vedere, soprattutto paragonandolo ai portatili di ultima generazione, che siano o meno ultrabook. Se fossi stato al posto di Google avrei optato per un design più morbido.

Schermata 2013-02-22 alle 01.16.43

Brevissimo accenno su un particolare che mi è piaciuto molto, la Lightbar che è presente nella parte superiore del portatile. La trovo molto carina ed elegante e toglie quel senso di monotonia e noia guardando il computer. Come giustamente sponsorizza Google stessa “giusto perché è cool”.

Schermo e touchscreen

Andiamo ora a focalizzare sul primo aspetto interessante di questo nuovo Chromebook Pixel, il display ad alta risoluzione. Durante la presentazione è stato definito come il “migliore schermo ad alta risoluzione mai montato su un portatile”, forse dimenticando lo schermo del MacBook Pro con Retina Dispaly. Ma lasciamo stare questa ultima affermazione, detta probabilmente solo per punzecchiare Apple, e andiamo a vedere di seguito le caratteristiche di questo display:

  • Schermo protetto con Gorilla Glass
  • 12.85″
  • Densità di pixel 239
  • Risoluzione: 2560 x 1700
  • Schermo 4:3

Schermata 2013-02-22 alle 00.35.46

Google ha optato per installare uno schermo con ratio 4:3 probabilmente per enfatizzare l’esperienza web, che è alla base del sistema operativo Chrome OS. A differenza del MacBook Pro Retina che ha una densità di pixel con 227 pixel per pollice il Chromebook Pixel presenta una densità lievemente maggiore con 239 pixel per pollice va però preso in considerazione che la risoluzione del Chromebook è minore come lo è, sempre leggermente, anche il polliciaggio.

Schermata 2013-02-22 alle 00.59.59

Buon lavoro da parte di Google per il display, sia per la qualità ma soprattutto per l’aggiunta del touchscreen per utilizzare lo schermo del computer per scorrere pagine web, utilizzare il pitch-to-zoom per ingrandire foto e tanto altro. Tutto quello che è praticamente possibile già fare con un tablet. Ma serve realmente un touchscreen all’interno di un computer? Forse si, forse no, sicuramente sarà l’esperienza a giudicare l’utilità e vedremo in futuro come si evolverà questa tecnologia.

Schermata 2013-02-22 alle 01.08.50

Torniamo a parlare brevemente del design poiché non potevamo sicuramente non fare una menzione sulla tastiera. Perché, tanto per cambiare, la tastiera che integra il Chromebook Pixel è retroilluminata, di colore nero con scritte bianche, in pieno stile MacBook Pro. Utile sicuramente per tutti coloro che utilizzano il portatile al buio.

Processore e batteria

Un computer che non ha pesanti processi da avviare basandosi solo sul web, che vanta l’accensione istantanea e tanti altri vantaggi. Queste sono le premesse da fare introducendo il processore Intel i5 integrato all’interno del computer che sicuramente porterà vantaggi durante la riproduzione di video in FullHD e per effettuare operazioni relativamente pesanti. Ma sicuramente non giustificano le sole 5 ore di durata di batteria, secondo me uno dei punti che sicuramente sono a sfavore di questo portatile. E’ vero che le “solo 5″ ore è una durata sicuramente superiore alla media di molti altri portatili ma è anche vero che il competitor diretto, ovvero il MacBook Pro con Retina Display, ha un hardware ben superiore e riesce a garantire una durata, con un utilizzo normale, di ben 7 ore.

Disponibilità e prezzo

Il Chromebook Pixel verrà venduto in due versioni, come ogni portatile la versione base avrà la possibilità di connettersi solo in Wifi e avrà una memoria a stato solido integrata di soli 32Gb con 1Tb di Google Drive compreso e saràvenduta al prezzo di 1299$, mentre la versione con l’LTE per la connessione in mobilità avrà un SSD con 64Gb e costerà 1499$. Le spedizioni partiranno dalla prossima settimana e sarà possibile acquistarlo solo dal Google Play Store dove è disponibile.

AppleSpace BLOG #standby

Astragon rilascia su Mac App Store un nuovo gioco di simulazione. Si tratta di River Simulator 2012: Inland Waterway Transport, un titolo che ci mette alla guida di navi fluiviali che attraversano la Germania trasportando merci. Estrema fedeltà delle situazioni logistiche e di carico, grafica al top. In vendita a 19,99 euro

Articoli correlati su Macitynet

Astragon, una specialista delle simulazioni, torna su Mac App Store con un nuovo gioco, questa volta dedicato al trasporto fluviale. Si tratta di River Simulator 2012: Inland Waterway Transport, un interessante ed originale gioco che ci mette alla guida di chiatte da trasporto in viaggio su vie d’acqua interne della Repubblica federale tedesca.

Come in altri titoli (tra cui Farming Simulator e Ski Region Simulator) dello sviluppatore tedesco, lo scopo del gioco è quello di eseguire specifici compiti che ci vengono assegnati…

View original post 165 altre parole

River Simulator 2012 per Mac, trasportate merci su un fiume con un perfetto simulatore

Astragon rilascia su Mac App Store un nuovo gioco di simulazione. Si tratta di River Simulator 2012: Inland Waterway Transport, un titolo che ci mette alla guida di navi fluiviali che attraversano la Germania trasportando merci. Estrema fedeltà delle situazioni logistiche e di carico, grafica al top. In vendita a 19,99 euro

Articoli correlati su Macitynet

Astragon, una specialista delle simulazioni, torna su Mac App Store con un nuovo gioco, questa volta dedicato al trasporto fluviale. Si tratta di River Simulator 2012: Inland Waterway Transport, un interessante ed originale gioco che ci mette alla guida di chiatte da trasporto in viaggio su vie d’acqua interne della Repubblica federale tedesca.

Come in altri titoli (tra cui Farming Simulator e Ski Region Simulator) dello sviluppatore tedesco, lo scopo del gioco è quello di eseguire specifici compiti che ci vengono assegnati; in questo caso dobbiamo trasportare liquidi o materiali complessi da maneggiare, “parcheggiare” le barche per trasporto merci, trainarne una mediante un’altra che ci viene affidata. Dovremo anche scaricare i container usando delle gru. Man mano che proseguiremo nel gioco riuscendo a portare a termine gli specifici compiti, manovrando GPS, scegliendo la velocità più adatta, guadagneremo punti esperienza che potremo usare per comprare nuove e più sofisticate imbarcazioni che potranno essere porta container, barche veloce o chiatte. Ma avremo anche la possibilità di esplorare liberamente le mappe senza essere obbligati a portare a termine un compito specifico.

Nella tradizione di Astragon, il realismo è estremo. Le barche sono create usando modelli che operano realmente sui fiumi tedeschi, gli scenari sono quelli tipici della nazione del centro europa, tra Reno, Meno e città come Magonza, e Francoforte il cui profilo e skyline sono perfettamente riconoscibili. Ad esempio potremo identificare la cattedrale di Colonia.

River Simulator 2012: Inland Waterway Transport costa 19,99 euro e si scarica da qui

Sony presenta ufficialmente la PlayStation 4


Sony: ecco la nuova PlayStation 4! Foto, caratteristiche, prezzo, scheda tecnica

Come previsto, durante la notte Sony ha presentato ufficialmente la nuovissima PlayStation 4, la sua console domestica innovativa, dotata di caratteristiche tecniche davvero impressionanti.

PS 4 logo 638x425 Sony presenta ufficialmente la PlayStation 4

Andiamo subito a conoscere insieme nel dettaglio la nuova PlayStation 4 do Sony, presentata negli USA solo poche ore fa.

Prima di tutto, vi dico che la nuovissima PS 4 di Sony arriverà sul mercato per Natale 2013. Sarà quindi necessario attendere alcuni mesi prima di poterla toccare con mano!

Altro piccolo dettaglio: al momento non sono disponibili foto o immagini della PlayStation 4. Si, la console è stata annunciata, ma è stato mostrato solo il suo controller. Vi chiederete “e quindi dov’è la foto della console?”, semplice non c’è!

Non è stata mostrata al pubblico probabilmente per non essere copiata dalla rivale Microsoft oppure per non rovinare semplicemente la sorpresa ai fan.

Detto questo, ecco tutto quello che dovete sapere sulla PlayStation 4 di Sony.

La casa nipponica Sony questa notte ha svelato ufficialmente la PlayStation 4. Le novità? Tanto cloud, tanta potenza, un nuovo pad e altro ancora.

180 BAKECA CP Sony presenta ufficialmente la PlayStation 4 Sony presenta ufficialmente la PlayStation 4

Forse vi siete persi la presentazione ufficiale, ma, alle ore 24 (ora italiana) di questa notte, Sony ha presentato ufficialmente la nuova console di intrattenimento  casalinga: la PlayStation 4. La notizia era nell’aria da parecchi giorni, ma ora la nuova console è ufficiale! Dopo 7 anni dalla PS 3, dunque, secondo Sony è arrivato il momento di rinnovare la sua linea di console di casa, ed ecco che arriva la PlayStation 4, presentata solo poche ore fa al Madison Square Garden di New York.

Ecco tutti i dettagli della nuova PlayStation 4. 

NOVITA’ 1 – Controllo remoto dai dispositivi mobili

La prima delle novità della nuova console Sony è la possibilità di controllare la stessa console tramite il proprio smartphone e il proprio tablet. Grazie a questa funzionalità, dunque, potremo chattare con i nostri amici sul PlayStation Network anche in mobilità o anche comprare e scaricare nuovi contenuti e nuovi giochi, che saranno poi automaticamente disponibili sulla console.

NOVITA’ 2 – Una console social 

Un’altra interessante novità riguarda la possibilità di registrare video o scattare foto mentre giochiamo a qualsiasi gioco e condividerlo istantaneamente sui social network, nonchétrasmettere in tempo reale le nostre partite tramite la nuova PlayStation Cloud. Per fare questo servirà tanta potenza, ma non vi preoccupate: la console, anche per questo motivo, ha a disposizione due potenti processori, dei quali uno sarà destinato ai videogiochi, mentre l’altro sarà destinato alla compressione dei video prima del caricamento in rete. Dunque, potrete condividere in rete le vostre partite senza problemi, visto che la console è studiata appositamente per fare questo.

NOVITA’ 3 – Il nuovo pad 

Comparso in rete solo pochi giorni fa, è ufficiale anche il nuovo pad per la PlayStation 4. E’ identico a quello che vi abbiamo mostrato nel nostro precedente articolo. Come potete vedere nell’immagine, il nuovo pad sarà più o meno simile a quello visto in foto. A me non piace molto, ma probabilmente è solo questione di abitudine. Voi cosa ne pensate?

ps4 controller dualshock 4 Sony presenta ufficialmente la PlayStation 4

Come potete notare, il nuovo DualShock 4 sarà equipaggiato di tutti i tasti già presenti sulle precedenti versioni, con l’aggiunta del tasto Share di cui abbiamo già parlato poco più sopra (per condividere i contenuti sul web in tempo reale), di un touchpad molto simile a quello già visto su PS Vita e di una curiosabarra luminosa molto simile a quella già vista su PlayStation Move, che sarà interfacciabile con una barra con due telecamere simile al Kinect di Microsoft, in grado di riconoscere l’ambiente in cui si trova il giocatore. Vedremo come le varie software house utilizzeranno queste nuove funzionalità per offrire un’esperienza di gioco davvero unica.

NOVITA’ 4 – PS Vita come controller 

La PS Vita potrà essere utilizzata nello stesso modo come viene utilizzato il game pad della Wii U: sarà dunque possibile trasferire la partita che stiamo giocando sulla console portatile così da lasciar libera la tv oppure poterla continuare in metropolitana o in qualsiasi altro posto, in completa mobilità. Comoda questa funzionalità, non trovate anche voi?

521365 414247658667661 2100346265 n Sony presenta ufficialmente la PlayStation 4

NOVITA’ 5 – Compatibilità con la precedente generazione

 Ovviamente la PS 4 sarà compatibile con le precedenti generazioni di videogiochi. Questi giochi non saranno direttamente compatibili con la nuova console, ma saranno emulati: grazie alla funzione PlayStation Cloud, infatti, potremo giocare i vecchi titoli in streaming, un po’ come accade per OnLive. Anche questi giochi potranno essere trasmessi sulla PS Vita. 

Tra le nuove funzioni, c’è da segnalare il nuovo portale Gaikai, ovvero un servizio di gioco in streaming che ci permetterà di giocare ai giochi presenti su PS Store senza scaricarli o comprarli, con la possibilità di consigliarli agli amici usado il tasto share.

NOVITA’ 6 – La potenza prima di tutto

Come abbiamo detto, la nuova PS 4 avrà un hardware davvero eccezionale. Troviamo infatti:

  • processore AMD con architettura x64 ad 8 core
  • memoria RAM da 8 Gigabyte GDDR5 l
  • HD interno
  • lettore Blu-Ray.

Prezzi e data d’uscita

Ora che abbiamo visto praticamente tutte le novità di PS 4, veniamo alla cosa più interessante.

Quanto costa la PS 4? Quando esce la PS 4?

Ecco le risposte di cui avete bisogno.

Per quanto riguarda i prezzi si vocifera che la PS4 sarà disponibile in due versioni, probabilmente la differenza sta nella capacità dell’Hard Disk interno e potrebbero essere 429 dollari e laltra 529 dollari.

Come detto, sarà disponibile nel periodo natalizio di quest’anno, probabilmente in Europa arriverà dopo.

Chiudiamo con due video promozionali della PS 4.

Frash: FlashPlayer per iPad – Guida Installazione

 

Schermata 2010 07 04 a 08.36.36 500x279 Frash: FlashPlayer per iPad – Guida Installazione

Andiamo a vedere insieme come installare Frash sui vostri iPad per godervi finalmente il FlashPlayer!

Purtroppo, al momento, la guida non è semplicissima, quindi è consigliata solo ad utenti esperti. Eseguitela a vostro rischio e pericolo icon wink Frash: FlashPlayer per iPad – Guida Installazione

Requisiti:

– iPad

– Jailbreak su iPad (scaricate l’ultima versione di Spirit cercando su Google e seguite QUESTA GUIDA)

Procedimento:

1. Scaricate il file Frash.deb (premete sul nome con il tasto destro del mouse, poi selezionate “Salva con Nome”)

2. Ora dovrete collegare l’iPad al PC ed accedere ai file di sistema. Per fare questo, la procedura varia in base alla macchina che utilizzate.

Ora:

– se avete un PC, potete utilizzare il software WinSCP (cercate su Google) e potete leggere QUESTO ARTICOLOper capire come funziona. Per accedere poi ai files dell’iPad, installate OpenSSH tramite Cydia;

– se avete un Mac, vi basterà installare il programma Netatalk da Cydia, e vedrete subito l’iPad nel finder.

I dati per accedere all’iPad saranno:

User: root
Pass: alpine

07 07 10varroot 413x292 Frash: FlashPlayer per iPad – Guida Installazione

Recatevi ora nella cartella “/var/root/Media”

3. All’interno della precedente cartella createne una nuova chiamata “Cydia”

4. Aprite “Cydia” (appena creata) e create una nuova cartella chiamata “AutoInstall”

5. Copiate il file Frash.deb in quest’ultima cartella

6. Riavviate l’iPad per due volte consecutivamente

7. Fine. Godetevi il FlashPlayer sul vostro iPad. Per visualizzare il contenuto in Flash non dovrete fare altro che premere sul logo di Frash (una F) per far apparire il contenuto multimediale.

Al momento i contenuti video non vengono ancora riprodotti, ma animazioni e giochi sì. Speriamo in futuri aggiornamenti per migliorare il supporto.

La lista completa dei siti da dove è possibile scaricare .ipa gratuitamente!!

Diversi sono i siti che permettono di scaricare .ipa (applicazioni craccate), e noi ve ne segnaleremo qualcuno. Ricordiamo a tutti che questo metodo è illegale ed è punito severamente dalla legge, pertanto bisogna sfruttarlo solo per provare l’applicazione/gioco, oppure per avere una “copia backup”dell’applicazione che avete già acquistato regolarmente dall’App Store.

DISCLAIMER IMPORTANTE“Questo metodo realizzato da terzi è liberamente reperibile (ovunque) in rete, è stato ricopiato anche in questo blog solo a scopo informativo. Pertanto non sono responsabile di come farete uso di questa guida e infine ricordo che non sono l’autore di codesto metodo. Dietro ogni applicazione e/o gioco c’è il lavoro di uno o più sviluppatori, abbiate rispetto!Utilizzate queste applicazioni SOLO ed ESCLUSIVAMENTE per avere una “CopiaBackup” (dopo che avete acquistato regolarmente l’applicazione e/o gioco)”

icona-file-ipa-di-itunes-ios-app
LISTA1. IPA-Planet – (Consigliato)2. AppCake3. iApplication.us4. iDownloads.ru

5. xSellize

6. HackStor

Sony presenta Playstation 4, arriva a Natale. Più social e in streaming

NEW YORK_ Non è una rivoluzione semmai una evoluzione, anzi la fotografia realistica di quanto ha espresso in questi anni l’industria del videogame, della musica e del cinema: social, video-sharing e streaming. “Crediamo che Playstation 4 rappresenti il passaggio per ripensare la console”, ha annunciato raggiante Andrew House il numero uno di SonyComputer Entertainmnt dal palco dell’The Hammerstein Manhattan Center di New York davanti a qualche migliaio di giornalisti provenienti da tutto il mondo. Poche le specifiche tecniche sulle macchina o indicazioni sul prezzo (probabilmente si dovrà attendere l’E3 di giugno). Uscirà a Natale di quest’anno probabilmente in contemporanea con la console rivale di Microsoft. Con questa annuncio Sony ha voluto bruciare sul tempo la rivale Microsoft e ribadire che Playstation è tornata e vuole riprendersi la leadership del mercato perso con Ps3. La guerre delle console è iniziata.

Il pulsante share
Le due idee che animano questa console sono tutte in qualche modo legate al controller, l’unico oggetto mostrato durante l’evento di New York (della console non si è vista neppure un disegno). La forma ricalca quella del vecchio Dual Shock (si chiamo peraltro Dualshock4) ma con l’aggiunta di un pad (una superficie tattile sul modello Ps Vita), una barra di luce che verrà rilevata da una 3D camera (modello Move) e un tasto Share. Il pulsando permetterà di condividere video di gioco in tempo reale senza dover interrompere la partita. Il focus sul social è confermato anche dall’interfaccia che è stata ridisegnata in modo da supportare Ustream e Facebook e con una attenzione particolari ai contenuti video.

 

Il cloud gaming 
L’altra novità attesa era legata al cloud gaming. A luglio lo stesso Ceo di Sony Kaz Hirai aveva fortissimamente voluto uno specialista di questa tecnologia, Gaikai pagandola 380 milioni di dollari. E’ stato proprio il numero uno di Gaikai David Perry a spiegare “remote play” la feature che permetterà di giocare in streaming sugli schermi di Ps Vita via Wi-fi mantengo la stessa qualità di gioco della Ps4. Giocare in streaming significa affidare a server esterni l’hardware per far girare i videogiochi. I software stanno sulla “nuvola” e grazie alla banda larga si connettono con device meno potenti. In questo modo si elimina la necessità di avere macchine con hardware dedicato, ci pensa la nuvola a fare i calcoli. Come ha spiegato Perry l’obiettivo è portare tutti i giochi Ps4 su Ps Vita ma anche su smaprtphone e telefonini. In questo Sony può portare esperienze di gioco sofisticate su telefonini, tablet e smartphone che prima non avevano i requisiti tecnici sufficienti. Questa tecnologia potrebbe essere usata sulla Ps4 4 per emulare i titoli delle precedenti generazioni di console, risparmiando così i costi per rendere la macchina retrocompatibile.

L’hardware 
Sulla console l’architetto Mark Cerny si è limitato a rivelare che Ps4 sarà basato una architettura con processore x86, avrà un disco rigido, le Gpu e 8 GB di Ram. Nessuna informazione sul tipo di processore (i rumors indicavano un Amd). Certamente i video dei giochi mostrati suggeriscono prestazioni grafiche di gran lunga superiori a quelle della Ps3. David Cage di Quantic Dream si è lasciato sfuggire che la potenza della console consentirà i muovere in tempo reale 30mila poligoni (il gioco Heavy Rain ne utilizzava 15mila).

La console-piattaforma
Ma al di là delle specifiche tecniche che verranno rivelate nei prossimi appuntamenti (probabilmente già a partire dall’E3 di Los Angeles a giugno) i manager di Sony hanno più riprese sottolineato che il salotto non è più il centro dell’intrattenimento. Streaming e video-sharing sono probabilmente due aspetti di un disegno più grande che punta a far convergere su Playstation non solo la console portatile Ps Vita ma anche smartphone e telefonini. “Ps4 – ha ricordato Andrew House – è prima di tutto una piattaforma costruita per e con gli sviluppatori per sperimentare nuovi modelli di business come free play e i giochi ad episodi”. In altre parole, paradossalmente Sony non vuole limitarsi al mercato delle console ma allungare le mani sul crescente business dei gaming mobile. Una scelta pragmatica ma del resto, Ps4 nasce così, concreta e realista. Nessun salto nel buio, nessuna fuga in avanti all’inseguimento di nuove forme di intrattenimento. I tempi per le rivoluzioni forse sono finiti.

Zeusmos: la perfetta alternativa a installous è vShare

zeusmos iconZeusmos (disponibile free in repo) è la migliore alternativa ad Installous su iPhone, iPod e iPad Jailbroken, e permette download di tutte le IPA free.

Zeumos Title

Tutti conosciamo oramai la grande caduta di Installous, l’app di Cydia sviluppata dal defunto Team di Hackulo.us che consentiva di scaricare e installare, grazie al tweak AppSync, qualsiasi IPA free direttamente dal sito AppTrackr.cd.

Esistono già valide applicazioni, di cui abbiamo parlato, che possono sostituire Installous come vShare e iPast0re. Da poco però è disponibile gratuitamente in repo Zeusmos, compatibile con tutti i dispositivi Jailbroken che tra le tante valide alternative risulta essere la migliore in assoluto per prestazioni e comodità.

zeusmos1zeusmos2

Quest’app creata dal gruppo di sviluppatori di Uhelios possiede le stesse funzionalità dello storico Installous:

  • Cercare qualsiasi tipo di IPA gratuita;
  • Suddivisione delle IPA per Categorie;
  • Download e installazione direttamente sul dispositivo in background e di qualsiasi versione;
  • Servizio diaggiornamenti per tutte le IPA scaricate o già presenti sul dispositivo;
  • Cancellazione dei file Metadata (file che permettono ad Appstore di riconoscere un’app come se fosse originale);
  • Possibilità di mettere in coda i Download con il tasto “SAVE”;

zeusmos11zeusmos5zeusmos6zeusmos7

In sostanza Zeusmos ha pochissime differenze. Anche la procedura di scaricamento è la medesima; al momento del download infatti verrà richiesto di inserire un codice Captcha (codice di sicurezza), per alcune tipologie di link. Una volta scaricato, l’installazione del pacchetto non avverà in modo automatico ma bisognerà premere sull’app appena completata e tappare su “Install IPA“.

Una piccola particolarità è l’integrazione di un menu a scoparsa (Toggle tricker: come quello dell’app facebook per intenderci) dove sarà possibile accedere ai 4 menu predefiniti:

  • Top Rated Apps;
  • Exclusive Apps:
  • Categories;
  • Custom Url.

In quest’ultimo sarà possibile inserire un’indirizzo internet preferito a cui accedere rapidamente.

zeusmos8zeusmos3

Tra le opzioni di configurazioni rilevanti troviamo:

  • Switch di attivazione/disattivazione cancellazione automatica dei file IPA;
  • Switch di attivazione/disattivazione del “Toggle tricker”;
  • Switch di attivazione/disattivazione cancellazione dei file Metadata;
  • Switch di attivazione/disattivazione messaggio Popup.

zeusmos9zeusmos10

INSTALLAZIONE

  1. Aggiungere la nostra repository repo.hackyouriphone.org;
  2. Cercare il pacchetto Zeusmos e AppSync for 5+ [Se si possiede iOS 5.x o iOS 6.x];
  3. Installare il package;
  4. Riavviare il dispositivo ed Enjoy!

In conclusione Zeusmos può essere considerata la migliore alternativa ad Installous o vShare, ma come tutte le alternative possiede dei Pro e dei Contro anche se minimi:

CONTRO

  • Una volta scaricata l’IPA l’installazione non avviene in modo automatco;
  • Download diretti senza passare da siti vari, inesistenti;
  • Sistema di notifiche migliorabile;

PRO

  • Possibilità di visualizzare aggiornamenti delle App;
  • Velocità di download equiparabile ad Installous;
  • Menu rapido Toggle Tricker.
  • Eliminazione dei file Metadata.

Vi lascio con un video ricordando che Zeusmos è compatibile con iOS 6e ha bisogno dell’installazione di AppSync 5+ per il corretto funzionamento.

Come eseguire il Jailbreak untethered di iOS 6.0/6.0.1/6.0.2/6.1/6.1.1/6.1.2 con Evasi0n | HYi Guide [Versione 1.4 per iOS 6.1.2]

FB_BANNER_JB

Da qualche minuto è disponibile il nuovo tool “evasi0n” per effettuare il Jailbreak untethered di iOS 6.X, per tutti i dispositivi che riescono a montarlo, realizzato dal team Evad3rs. In questo articolo andremo ad illustrare la procedura per eseguire il Jailbreak e procedere all’installazione di Cydia utilizzando evasi0n.

Requisiti

  • Dispositivo con installato iOS 6.X (6.0, 6.0.1, 6.0.2, 6.1, 6.1.1 o 6.1.2);
  • Un PC/Mac montante Windows (XP minimo) o Mac OS X (10.5 minimo) o Linux (x86 / x86_64);

Download evasi0n 1.4

  • evasi0n per Mac OS X (10.5+) LINK;
  • evasi0n per Windows (XP+) LINK;
  • evasi0n per Linux  (x86/x86_64) LINK.

Compatibile con

iPhone 5, iPhone 4S, iPhone 4, iPhone 3GS, iPod Touch 4, iPod Touch 5, iPad 2, iPad 3, iPad 4, iPad mini.

Ricordiamo che chi possiede un iPhone NON ITALIANO (ESTERO)NON deve assolutamente AGGIORNARE E ESEGUIRE QUESTA GUIDA, SI PERDEREBBE LA PARTE TELEFONICA.
Prima di eseguire il jailbreak è altamente consigliato effettuare un backup del proprio dispositivo.

Guida

  1. Collegate il vostro dispositivo al computer e avviate evasi0n (assicuratevi che il programma rileva il vostro dispositivo);SCREN_JB61-1
  2. Premere su Jailbreak
    SCREN_JB61-2
  3. Aspettare che il procedimento si completi, potrebbe durare qualche minuto, il dispositivo si riavverà da solo;
  4. Sbloccate il dispositivo e premete sull’icona evasi0n;

    SCREN_JB61-5

  5. Si aprirà e chiuderà da sola, il dispostiivo si riavvierà:
  6. FINE, il Jailbreak è completo;SCREN_JB61-4

CameraBag 2 [TORRENT] .Mac

pubblicato da recensionibazza il giorno 20/02/2013

TORRENT DOWNLOAD

Download Torrent                   Magnet Link                           Download Direct

Questa volta recensiremo un’applicazione più seria e adatta ai neofiti dell’editing photo:CameraBag 2. Semplice strumento che vi consentirà di applicare tantissimi filtri e bordi, manipolare le temperature di luce e colore, migliorando la qualità artistica delle vostre fotografie.

Panoramica

Con applicazioni come Instragram e servizi come Facebook, scattare una foto e condividerla sul web è diventata un’azione semplicissima, ma fotografare è solo una parte del  “gioco”. Infatti, coloro i quali necessitano di una foto perfetta sanno che dopo la cattura segue sempre lamodifica. Già, è grazie all’editing (modifica in italiano) che la fotografia acquisisce qualità artistica, naturalmente in base alle conoscenze e all’esperienza dell’editor. Ad esempio, Instagram è quel servizio che fa credere ai propri utenti di essere degli eccellenti fotografi applicando semplicemente alcuni filtri.

Ciò che serve è un’applicazione con un perfetto equilibrio tra: funzionalitàprezzofacilità d’usoprestazioni. E qui entra in gioco CameraBag 2.

Per acquistare CameraBag 2 è possibile sia scaricarlo tramite Mac App Store o visitare il sito ufficiale del produttore NeverCenter. Vi do un piccolo consiglio: se a fine recensione non sarete convinti dell’acquisto, collegandovi al sito ufficiale potrete provare l’applicazione per 30 giorni senza alcun impegno.

L’applicazione è una di quelle intuitive e di facile utilizzo. Per iniziare a modificare le foto dovrete trascinare l’immagine scelta nella zona vuota. Siamo già pronti per iniziare a lavorare sul nostro capolavoro!

Caratteristiche

Come scritto un po’ più sopra, un’applicazione, per essere utile, deve avere la giusta combinazione tra funzionalità ed altri fattori e, CameraBag 2 centra il perfetto equlibrio grazie alle numerose funzioni. Infatti, l’applicazione è fornita con decine e decine di filtri. Insieme ai filtri e agli stili è disponibile il controllo manuale sulle regolazioni dell’immagine.

Interfaccia e design

A differenza di programmi come Photoshop, CameraBag 2 adotta un approccio minimalista epulito per il suo design. Esso crea una gamma di colori grigio con il tipico tessuto in stile Apple. Il design è uno di quelli che si adatta con l’ultima ondata di applicazioni iOS e Mac utilizzando le stesse idee di styling.

Se vi è un qualcosa di negativo, sempre riguardante il design dell’applicazione, è il colore. Questa tonalità di colore grigio stona e mi sarebbe piaciuto vedere un po più di colore o quanto meno un’opzione per cambiare il colore dell’interfaccia.

Invece di tanti riquadri, CameraBag utilizza un’unica interfaccia che ragruppa tutti gli strumenti dividendoli in box semplici ed efficaci. In questo modo, l’attenzione cade interamente sull’applicazione. Un punto a favore, non credete?

 Nella parte sottostante l’immagine, c’è un … che raccoglie tutti i filtri attivi, preset e adeguamenti. Se un determinato filtro non piace, è sufficiente cliccare la “X” per eliminarlo.

Filtri e Editing

Adesso tocca ai filtri presenti in CameraBag 2, che a mio dire sono il punto forte dell’applicazione. Qui su CameraBag 2 i filtri sono chiamati “stili” e ce ne sono davvero tanti. Dopo aver selezionato uno stile, è possibile modificare l’effetto o remixarlo.

E’ inoltre possibile impilare gli stili e mescolarli cosi da trovare l’effetto perfetto all’immagine. Una volta che avrete terminato di modificare gli stili, si potrà procedere con la regolazione manuale di luci e colori.

Conclusione

CameraBag 2

CameraBag 2

by Nevercenter Ltd. Co.

13.99 EUR

CameraBag 2 è davvero un’applicazione spettacolare. Il prezzo (11,99 ) può sembrare alto, ma ne vale la pena. Inoltre l’applicazione usa poche risorse del computer e con la sua ricchezza di filtri, permette il  sul lato artistico delle vostre fotografie.

Insieme ai filtri si ottiene un’incredibile controllo manuale con i 25 diversi strumenti. I livelli permettono di rimuovere facilmente gli effetti indesiderati senza danneggiare la foto.

Uno dei grandi svantaggi per me è il design. Lo schema dal colore grigio può andare bene per alcuni, ma per me no. Oltre alle peculiarità di minore entità, CameraBag 2 è un’applicazione che vale la pena di acquistare.

KCNcrew Pack – 10 15 2012 [UB / Serial]

 

KCNScrew

KCNcrew Pack – 10 15 2012 [UB / Serial]

  • Dimensione: 5.00 MB
  • Aggiunto :2012-10-15
  • Ultimo aggiornamento :2012-11-01

Scarica

 

Descrizione

Nome: KCNcrew Pack
Versione: - 10 15 2012

Mac Piattaforma: UB
Include: Serial

Versione del sistema operativo: Mac OS X 10.4 o versioni successive o forse inferiore

Link per maggiori informazioni: n / a

Questo è il KCNcrew Pack 15 Ottobre 2012 Emissione. 

E 'come Serial Box, che ha SN, ma KCN ha anche crepe e patch. Sarebbe meglio avere entrambe le collezioni, in quanto questo pacchetto ha spesso a puntate non è possibile trovare in SBOX.
A differenza di sbox, non i lettori sono obbligatori. Basta aprire il file dmg, trascinare e rilasciare l'applicazione dove si preferisce.
Tuttavia, non vi è alcun modo per visualizzare ciò seriali, crack e patch sono nuovi in ​​questione rispetto al precedente.

Grazie a tutti i collaboratori e sostenitori!

Protetto: I primi iPhone 5S sono già in produzione! Nuove foto lo mostrano in tutto il suo splendore nella catena di montaggio di Foxconn

Il contenuto è protetto da password. Per visualizzarlo inserisci di seguito la password:

Ecco iPad 5: del tutto simile ad un iPad Mini più grande!

Proprio il giorno in cui Apple ufficializza il rilascio della versione da 128 Gb di iPad con display retina, saltano fuori le immagini della prossima generazione di tablet Apple.

ipad 5

Le immagini parlano chiaro e non ci sarebbe nient’altro da aggiungere. L’iPad di quinta generazione avrà un design del tutto simile all’attuale iPad Mini, ma con uno schermo retina da 9.7 pollici.

ipad 5 2

La scocca posteriore mostrata nelle foto è realizzata con lo stesso alluminio di color ardesia che contraddistingue gli attuali iPhone 5 ed iPad Mini. Risulta del tutto credibile pensare quindi che lo stesso stile verrà utilizzato anche per i prossimi tablet di Apple.

La prossima generazione di iPad dovrebbe essere rilasciata questa primavera, ma ultimamente Apple ci sorprende con le sue commercializzazioni improvvise, quindi non possiamo metterci la mano sul fuoco. Vi terremo aggiornati!

Apple presenta con grande sorpresa l’iPad di quarta generazione con 128GB di spazio!

 

 

Nessuno se lo aspettava e con grande sorpresa Apple tramite un comunicato stampa ha annunciato la disponibilità a partire dal 5 Febbraio dell’ “iPad con Display Retina” con il nuovo taglio da 128GB.

ipad_4_1

 

Con grande sorpresa Apple ha rilasciato tramite un comunicato stampa un nuovo taglio per iPad di quarta generazione, ovvero 128Gb. Grande dimensione di spazio che sicuramente tornerà utile a chi usa l’iPad per lavoro, come fotografi o professionisti. Dopo l’uscita di iOS6.1 nella giornata di ieri molti developer avevano notato che nel codice sorgente di iOS era presente un nuovo modello da 128Gb e molti si aspettavano l’uscita durante un prossimo evento, magari dedicato alla presentazione di un ipotetico iPad di quinta generazione, ma a quanto pare così non è stato.

Apple ha lasciato anche il modello più piccolo da 16Gb decidendo di aggiungere il taglio da 128Gb agli altri tre per arrivare ad un totale di quattro tagli. Il prezzo dell’iPad con Retina Display da 128Gb ha un costo di 799€ per il modello solo WiFi mentre per il modello +Cellulare il prezzo lievita a 929€.