Come installare Flash Player su iPad

installare Flash Player su iPad

Nel seguente articolo, cercheremo di spiegavi come fare ad installare Flash Player su iPad, soffermandoci su come il suddetto programma possa rivelarsi estremamente utile a tutti coloro che necessitino di incrementare le potenzialità del proprio tablet.
Plug-in per browser multipiattaforma davvero molto funzionale, Adope Flash Player è infatti praticamente indispensabile per chiunque si trovi ad utilizzare un dispositivo con connessione ad internet. Fino a pochissimo tempo fa, però, non era semplice (o meglio possibile) da utilizzare su dispositivi Apple.
Come per gli iPhone, 3G/ 3GS/ 4/ 4S e 5, e come per gli iPod Touch di ultima generazione (a partire dalla terza), anche per quanto riguardava i tablet, non era difatti consentita la possibilità di installare Flash Player su iPad. Oggi, invece (ed è il caso di dire “finalmente”), tale eventualità diviene realizzabile.
Vediamo di seguito come fare!
Continuate a leggere e scoprirete come installare Flash Player su iPad.

iPad mini Air

Un plug-in indispensabile: come e perché installare Flash Player su iPad

Prima di passare a descrivere come fare ad installare Flash Player su iPad, ci sembra doveroso spendere qualche parola raccontandovi come mai possedere tale plug-in sul proprio dispositivo mobile sia una cosa estremamente necessaria. Ideato e progettato da Adobe, Flash Player è un software che permette la visualizzazione di innumerevoli contenuti interattivi presenti nel Web. Per tali motivi, dunque, è assolutamente innegabile come Flash Player sia fortemente indispensabile se si desidera navigare senza problemi e senza alcuna interferenza di sorta. Del resto, come possiamo leggere anche dal sito internet ufficiale del software, esso risulta installato sul 98% dei PC di tutto il mondo.
Periodicamente, poi, Adobe mette a disposizione degli utenti determinati ed indispensabili aggiornamenti. In maniera del tutto automatica, sarete informati della disponibilità di tali nuove versioni del plug-in.
Ma vediamo ora, di seguito nel nostro articolo, come fare ad installare Flash Player su iPad!

installare Flash Player su iPad

Ecco come fare a installare Flash Player su iPad

La procedura per installare Flash Player su iPad prevede la connessione, fino alla fine dell’iter che stiamo per descrivervi, del dispositivo tablet alla rete internet (sia tramite Wi-Fi che 3G).
Dopo aver dunque provveduto a tale indispensabile procedura, aprite Cydia dal vostro iPad (o anche dall’iPad mini). Nel Tab Manage, scegliete l’opzione Sources. Da qui, cliccate su Edit e successivamente su Add. Nella barra degli indirizzi scrivete l’indirizzo http://repo.benm.at e poi cliccate su Add Source. Fatto ciò, recatevi nel Tab Search e inserite manualmente la parola Frash. Da tale ricerca appariranno determinati risultati. Scegliete il primo e installatelo. Riavviate l’iPad, selezionare la scritta Flash e lanciate il plug-in. Come avrete avuto modo di notare, installare Flash Player su iPad sarà cosa più semplice a farsi che a dirsi!

installare Flash Player su iPad

UN ALTRA GUIDA : FUNZIONANTE AL 100×100

Annunci

Scarica Gratis le migliori app e giochi a pagamento per iPhone, iPad e iPod Touch senza Jailbreak

 

App Store, al momento è il miglior negozio di applicazioni tra quelli per smartphones, presenta davvero una vastissima scelta di titoli per la produttività, tantissimi giochi spettacolari e un mare di utility per fare qualsiasi cosa, anche le più inutili. Mentre, ad esempio, Android Market ha dei “concorrenti” (QUI con molte offerte) autorizzati a vendere app per il suo sistema operativo ed è semplicissimo installare qualcosa senza passare dallo store ufficiale (ci siamo capiti…).App Store invece è l’unico canale per dispositivi iOS, ma in soccorso di noi utenti arriva FreeMyApps. Il sito è visibile da qualsiasi browser ma dovremo accedere dal nostro iPhone, iPad o iPod Touch per usufruire delle offerte:
  1. dovremo cliccare QUI dal nostro dispositivo iOS e ci verrà chiesto di “condividere” l’ID del nostro dispositivo, non vi spaventate serve a loro per sapere se il vostro dispositivo è idoneo al riscatto dei crediti;
  2. installato il profilo impostazioni, potremo scegliere di scaricare delle app gratuite sponsorizzate (Sponsor Apps) che ci faranno guadagnare dei crediti (minimo 75), dovremo lanciarle e tenerle attive almeno 30 secondi per il conteggio corretto dei crediti;
  3. una volta raggiunto il numero di crediti desiderato (almeno 390) potremo scaricare tantissimi titoli (Gift Apps) che attualmente si trovano nelle posizioni più alte degli App Store di tutto il mondo (come: Fruit Ninja, Cut The Rope, GTA 3, Angry Birds, SkyFire Web Browser, iMovie, Camera+, etc.);
  4. Per guadagnare più crediti potete condividere il vostro link personalizzato, ad esempio sui social network (Referring a Friend), e ogni volta che un amico scarica e lancia un’app sponsorizzata voi riceverete 50 crediti da usare per scaricare le vostre Gift Apps preferite;

I titoli sono davvero interessanti, sperando che rimangano all’altezza, FreeMyApps ci sembra un ottimo modo per risparmiare e divertirci con il meglio di App Store!

Frash: FlashPlayer per iPad – Guida Installazione

 

Schermata 2010 07 04 a 08.36.36 500x279 Frash: FlashPlayer per iPad – Guida Installazione

Andiamo a vedere insieme come installare Frash sui vostri iPad per godervi finalmente il FlashPlayer!

Purtroppo, al momento, la guida non è semplicissima, quindi è consigliata solo ad utenti esperti. Eseguitela a vostro rischio e pericolo icon wink Frash: FlashPlayer per iPad – Guida Installazione

Requisiti:

– iPad

– Jailbreak su iPad (scaricate l’ultima versione di Spirit cercando su Google e seguite QUESTA GUIDA)

Procedimento:

1. Scaricate il file Frash.deb (premete sul nome con il tasto destro del mouse, poi selezionate “Salva con Nome”)

2. Ora dovrete collegare l’iPad al PC ed accedere ai file di sistema. Per fare questo, la procedura varia in base alla macchina che utilizzate.

Ora:

– se avete un PC, potete utilizzare il software WinSCP (cercate su Google) e potete leggere QUESTO ARTICOLOper capire come funziona. Per accedere poi ai files dell’iPad, installate OpenSSH tramite Cydia;

– se avete un Mac, vi basterà installare il programma Netatalk da Cydia, e vedrete subito l’iPad nel finder.

I dati per accedere all’iPad saranno:

User: root
Pass: alpine

07 07 10varroot 413x292 Frash: FlashPlayer per iPad – Guida Installazione

Recatevi ora nella cartella “/var/root/Media”

3. All’interno della precedente cartella createne una nuova chiamata “Cydia”

4. Aprite “Cydia” (appena creata) e create una nuova cartella chiamata “AutoInstall”

5. Copiate il file Frash.deb in quest’ultima cartella

6. Riavviate l’iPad per due volte consecutivamente

7. Fine. Godetevi il FlashPlayer sul vostro iPad. Per visualizzare il contenuto in Flash non dovrete fare altro che premere sul logo di Frash (una F) per far apparire il contenuto multimediale.

Al momento i contenuti video non vengono ancora riprodotti, ma animazioni e giochi sì. Speriamo in futuri aggiornamenti per migliorare il supporto.

La lista completa dei siti da dove è possibile scaricare .ipa gratuitamente!!

Diversi sono i siti che permettono di scaricare .ipa (applicazioni craccate), e noi ve ne segnaleremo qualcuno. Ricordiamo a tutti che questo metodo è illegale ed è punito severamente dalla legge, pertanto bisogna sfruttarlo solo per provare l’applicazione/gioco, oppure per avere una “copia backup”dell’applicazione che avete già acquistato regolarmente dall’App Store.

DISCLAIMER IMPORTANTE“Questo metodo realizzato da terzi è liberamente reperibile (ovunque) in rete, è stato ricopiato anche in questo blog solo a scopo informativo. Pertanto non sono responsabile di come farete uso di questa guida e infine ricordo che non sono l’autore di codesto metodo. Dietro ogni applicazione e/o gioco c’è il lavoro di uno o più sviluppatori, abbiate rispetto!Utilizzate queste applicazioni SOLO ed ESCLUSIVAMENTE per avere una “CopiaBackup” (dopo che avete acquistato regolarmente l’applicazione e/o gioco)”

icona-file-ipa-di-itunes-ios-app
LISTA1. IPA-Planet – (Consigliato)2. AppCake3. iApplication.us4. iDownloads.ru

5. xSellize

6. HackStor

Zeusmos: la perfetta alternativa a installous è vShare

zeusmos iconZeusmos (disponibile free in repo) è la migliore alternativa ad Installous su iPhone, iPod e iPad Jailbroken, e permette download di tutte le IPA free.

Zeumos Title

Tutti conosciamo oramai la grande caduta di Installous, l’app di Cydia sviluppata dal defunto Team di Hackulo.us che consentiva di scaricare e installare, grazie al tweak AppSync, qualsiasi IPA free direttamente dal sito AppTrackr.cd.

Esistono già valide applicazioni, di cui abbiamo parlato, che possono sostituire Installous come vShare e iPast0re. Da poco però è disponibile gratuitamente in repo Zeusmos, compatibile con tutti i dispositivi Jailbroken che tra le tante valide alternative risulta essere la migliore in assoluto per prestazioni e comodità.

zeusmos1zeusmos2

Quest’app creata dal gruppo di sviluppatori di Uhelios possiede le stesse funzionalità dello storico Installous:

  • Cercare qualsiasi tipo di IPA gratuita;
  • Suddivisione delle IPA per Categorie;
  • Download e installazione direttamente sul dispositivo in background e di qualsiasi versione;
  • Servizio diaggiornamenti per tutte le IPA scaricate o già presenti sul dispositivo;
  • Cancellazione dei file Metadata (file che permettono ad Appstore di riconoscere un’app come se fosse originale);
  • Possibilità di mettere in coda i Download con il tasto “SAVE”;

zeusmos11zeusmos5zeusmos6zeusmos7

In sostanza Zeusmos ha pochissime differenze. Anche la procedura di scaricamento è la medesima; al momento del download infatti verrà richiesto di inserire un codice Captcha (codice di sicurezza), per alcune tipologie di link. Una volta scaricato, l’installazione del pacchetto non avverà in modo automatico ma bisognerà premere sull’app appena completata e tappare su “Install IPA“.

Una piccola particolarità è l’integrazione di un menu a scoparsa (Toggle tricker: come quello dell’app facebook per intenderci) dove sarà possibile accedere ai 4 menu predefiniti:

  • Top Rated Apps;
  • Exclusive Apps:
  • Categories;
  • Custom Url.

In quest’ultimo sarà possibile inserire un’indirizzo internet preferito a cui accedere rapidamente.

zeusmos8zeusmos3

Tra le opzioni di configurazioni rilevanti troviamo:

  • Switch di attivazione/disattivazione cancellazione automatica dei file IPA;
  • Switch di attivazione/disattivazione del “Toggle tricker”;
  • Switch di attivazione/disattivazione cancellazione dei file Metadata;
  • Switch di attivazione/disattivazione messaggio Popup.

zeusmos9zeusmos10

INSTALLAZIONE

  1. Aggiungere la nostra repository repo.hackyouriphone.org;
  2. Cercare il pacchetto Zeusmos e AppSync for 5+ [Se si possiede iOS 5.x o iOS 6.x];
  3. Installare il package;
  4. Riavviare il dispositivo ed Enjoy!

In conclusione Zeusmos può essere considerata la migliore alternativa ad Installous o vShare, ma come tutte le alternative possiede dei Pro e dei Contro anche se minimi:

CONTRO

  • Una volta scaricata l’IPA l’installazione non avviene in modo automatco;
  • Download diretti senza passare da siti vari, inesistenti;
  • Sistema di notifiche migliorabile;

PRO

  • Possibilità di visualizzare aggiornamenti delle App;
  • Velocità di download equiparabile ad Installous;
  • Menu rapido Toggle Tricker.
  • Eliminazione dei file Metadata.

Vi lascio con un video ricordando che Zeusmos è compatibile con iOS 6e ha bisogno dell’installazione di AppSync 5+ per il corretto funzionamento.

Come eseguire il Jailbreak untethered di iOS 6.0/6.0.1/6.0.2/6.1/6.1.1/6.1.2 con Evasi0n | HYi Guide [Versione 1.4 per iOS 6.1.2]

FB_BANNER_JB

Da qualche minuto è disponibile il nuovo tool “evasi0n” per effettuare il Jailbreak untethered di iOS 6.X, per tutti i dispositivi che riescono a montarlo, realizzato dal team Evad3rs. In questo articolo andremo ad illustrare la procedura per eseguire il Jailbreak e procedere all’installazione di Cydia utilizzando evasi0n.

Requisiti

  • Dispositivo con installato iOS 6.X (6.0, 6.0.1, 6.0.2, 6.1, 6.1.1 o 6.1.2);
  • Un PC/Mac montante Windows (XP minimo) o Mac OS X (10.5 minimo) o Linux (x86 / x86_64);

Download evasi0n 1.4

  • evasi0n per Mac OS X (10.5+) LINK;
  • evasi0n per Windows (XP+) LINK;
  • evasi0n per Linux  (x86/x86_64) LINK.

Compatibile con

iPhone 5, iPhone 4S, iPhone 4, iPhone 3GS, iPod Touch 4, iPod Touch 5, iPad 2, iPad 3, iPad 4, iPad mini.

Ricordiamo che chi possiede un iPhone NON ITALIANO (ESTERO)NON deve assolutamente AGGIORNARE E ESEGUIRE QUESTA GUIDA, SI PERDEREBBE LA PARTE TELEFONICA.
Prima di eseguire il jailbreak è altamente consigliato effettuare un backup del proprio dispositivo.

Guida

  1. Collegate il vostro dispositivo al computer e avviate evasi0n (assicuratevi che il programma rileva il vostro dispositivo);SCREN_JB61-1
  2. Premere su Jailbreak
    SCREN_JB61-2
  3. Aspettare che il procedimento si completi, potrebbe durare qualche minuto, il dispositivo si riavverà da solo;
  4. Sbloccate il dispositivo e premete sull’icona evasi0n;

    SCREN_JB61-5

  5. Si aprirà e chiuderà da sola, il dispostiivo si riavvierà:
  6. FINE, il Jailbreak è completo;SCREN_JB61-4

Apple contro pirati, chiude Hackulous: Ma i “cracker” cercano l’armistizio

Dismesso il progetto, attivo da anni, che dava accesso a un App Store alternativo con i titoli commerciali disponibili gratuitamente. Fioriscono le alternative, ma il “jailbreak” delle ultime versioni di iOS è sempre più complesso. E su Twitter parte la petizione per un sistema operativo più apertodi IVAN FULCO

Apple contro pirati, chiude Hackulous:  Ma i "cracker" cercano l'armistizio

“Buonanotte, dolce principe”. Inizia così il messaggio di commiato con cui, solo qualche giorno fa, il team Hackulo.us ha confermato la fine di un’epoca: il progetto Hackulous chiude i battenti e, con esso, scompare il baluardo della pirateria su iOS. Negli anni, Hackulous era diventato il punto di riferimento per il download illegale di app: un vero e proprio App Store parallelo da cui scaricare gratuitamente decine di migliaia di app commerciali. Tutto, ovviamente, a condizione di avere confidenza con gli strumenti del pirata.

Dopo aver sbloccato il proprio iPhone o iPad con la procedura di “jailbreak” (illegale in alcuni paesi), gli utenti potevano installare sul dispositivo l’applicazione Installous, che interrogando il sito AppTrackr permetteva di accedere a un clone dell’App Store. Attraverso AppSync, un altro software del team Hackulous, le applicazioni scaricate erano quindi “firmate”, per far credere al telefono che fossero ufficiali. Un’infrastruttura web cancellata in una notte, a causa, secondo il team Hackulous, dello scarso supporto della comunità. Eppure, per Apple non è ancora un trionfo.

Piccoli pirati crescono. Come sempre accade sulla scena degli hacker (o “cracker”, come più corretto), morto un pirata se ne fa un altro. E le alternative a Installous, alcune operative da tempo, non si sono fatte attendere. In Rete già circolano i nomi di servizi come App Spider o App Cake, iDownloads o IPAStore, tutte varianti più o meno evolute di Installous. Tra questi, il primato spetta oggi al cinese Vshare, che si è imposto nella comunità per la quantità di applicazioni e per la qualità dell’interfaccia.

In tutti questi casi, per usufruire dei servizi l’utente deve “sbloccare” il dispositivo attraverso la procedura di jailbreak, invalidando così la garanzia in Italia. Inoltre, molti richiedono l’uso di AppSync, il software di Hackulous ormai abbandonato dal team ufficiale, che quindi potrebbe non essere aggiornato per le prossime versioni di iOS.

Qualcuno, tuttavia, ha già trovato un sistema per aggirare anche queste limitazioni. È il caso di siti come Kuaiyong o 25PP, che permettono di installare app illegali anche su terminali non sbloccati, utilizzando un software per computer che autorizza le applicazioni. In quest’ultimo caso, però, la prudenza è d’obbligo: secondo gli esperti, Kuaiyong sembrerebbe infatti distribuire software pericoloso per la sicurezza dei dati.

Invece della fine di un’era, in sostanza, siamo davanti a un Rinascimento della pirateria? Non esattamente. Nonostante il diffondersi di nuovi siti illegali, il declino e la caduta di Hackulo sembrano aver smosso le acque della scena hacker. Al punto che, negli ultimi mesi, da più parti si sono sollevate voci in favore di un “armistizio tecnologico” con Apple.

Per un iOS più libero. Gli ultimi aggiornamenti di iOS, il sistema operativo di iPhone e iPad, non hanno lasciato spazio a dubbi: Apple è sul piede di guerra contro i cracker, impegnata a chiudere tutte le falle del proprio software per evitare che venga violato. Non stupisce che, da oltre un anno, i tempi necessari ai pirati per elaborare procedure di jailbreak si siano progressivamente allungati.

i0n1c, noto cracker della scena jailbreak, ha recentemente riconosciuto il ruolo di Craig Federighi (il nuovo responsabile di iOS, successore di Scott Forstall) nel blindare il sistema operativo Apple. Secondo la posizione di i0n1c, Federighi starebbe svolgendo un lavoro così metodico che lo sblocco dei prossimi aggiornamenti potrebbe risultare quasi impossibile.

Diverso il parere di un altro cracker, Pod2g, secondo cui gli esperti continueranno a scardinare iOS, ma la chiusura del software iPhone e iPad è in realtà un boomerang per Apple. Molti utenti sarebbero migrati agli smartphone e tablet Android, il sistema operativo di Google, proprio per la difficoltà a personalizzare i dispositivi della Mela, che accettano applicazioni solo approvate da Apple e distribuite attraverso l’App Store.

L’opinione di Pod2g sembra essere condivisa dalla comunità. E dal suo appello, qualche giorno fa, è nata persino una petizione su Twitter: #WeWantAnOpeniOS (“Vogliamo un sistema operativo aperto”). La richiesta: Apple, permetti ai tuoi clienti di installare software libero, ponendo fine alla guerra del jailbreak. E forse anche la scena pirata, è il malcelato suggerimento, potrebbe subire un duro colpo. Una settimana dopo, la petizione si avvia verso le diecimila adesioni. Saranno sufficienti per siglare un armistizio?

Jailbreak

Dicesi Jailbreak il processo che consente di installare ed eseguire codice non firmato, si effettua tramite programmi appositi(come pwnagetool, greenpoison, limerain o snowbreeze). Il vantaggio principale della modifica, è l’accesso a Cydia [1],il quale permette di installare appunto applicazioni con codice non firmato.

Una celebre “immagine simbolo” del Jailbreak

Indice

Storia

Viene lanciato per la prima volta nel 2007 circa, per sbloccare e rendere compatibile con altre sim quello che poi sara’ conosciuto come iPhone 2G(il primissimo modello di iPhone mai commercializzato).

Tale parola, e’ anche un vocabolo inglese, che significa appunto “evasione”.

L’iPhone viene prodotto specialmente in America nel modello Factory Locked(cioe’ compatibile solamente con le Sim degli operatori con cui viene venduto)dalla AT&T.

In molti sono stati successivamente gli utenti di altre compagnie americane tipo la Verizon che si sono “lamentati” di questa reclusione.

E’ quindi per questo motivo,che nacque il Jailbreak, portato da un gruppo di Hacker,il Dev Team,che tuttora li rilascia.

Come funziona il Jailbreak

La memoria dell’iPhone è composta da due partizioni:

  • Partizione di sistema (“/”): Di default impostata a 500MB ma è modificabile durante la creazione di custom firmware nel processo di jailbreak. In questa partizione è presente il sistema operativo e le varie applicazioni installate tramite cydia e installer.
  • Partizione di archiviazione (“/var”): E’ grande quanto tutto lo spazio restante sulla memoria, qui risiedono i vari programmi installati dall’appstore e tutti i file multimediali (musica, video, foto, …) sincronizzati da iTunes.

Il Jailbreak non fa altro che modificare il file “fstab” (che gestisce sui sistemi Linux, BSD e di conseguenza Mac OS X e iPhoneOS le regole dei dischi rigidi montati) ed eseguire un “patching” del firmware iphone andando ad eliminare il controllo sull’autenticità della firma su ogni applicazione. In questo modo diventa quindi possibile eseguire anche applicazioni non autenticata da Apple ed avere piena padronanza del proprio dispositivo

Tipologie

Il Jailbreak, si può dividere in due tipologie:
a) Tethered,una falla di sicurezza a livello di hardware(le componenti interne degli iDevice: principalmente questo exploit viene trovato nella bootroom). Con questo tipo di modifica,è impossibile spegnere il dispositivo, poiché bisognerà successivamente ricollegarlo al computer per poterlo riavviare. La falla nella bootroom,porta a jailbreak di tipo tethered solo nei modelli:iPhone 3Gs, iPhone 4, iPad Wi-Fi & Wi-Fi+3G, iPod Touch 2G(tardo 2009),iPod Touch 3G,iPod Touch4;
b) Untethered,una falla di sicurezza a livello di software(quindi un bug, cioè errore, presente nell’iOS). Con questo tipo di modifica,l’utente può spegnere tranquillamente il proprio dispositivo,senza preoccuparsi di attaccare o meno il dispositivo al proprio computer.

Vantaggi

Attualmente,eseguire il Jailbreak,risulta piuttosto vantaggioso,per 4 motivi:

   1)Installazione di temi personalizzati;

   2)Installazione di programmi(chiamati Tweak),che permettono di sfruttare al pieno il proprio dispositivo;

   3)Sblocco della parte telefonica(e qui si riallaccia il discorso di Factory Locked o non)

Storico

STORICO

  • GENNAIO 2007: Presentazione all’evento MacWorld dell’iPhone 2G;
  • 27 GIUGNO 2007: Rilascio sul mercato dell’iPhone 2G;
  • 10 LUGLIO 2007: Nasce ufficialmente il Jailbreak, che per il momento viene considerato come “metodo per impostare” suonerie personalizzate;

    Logo del Chronic Dev Team, il gruppo di hacker più importanti per il mondo iPhone

  • 6 AGOSTO 2007: Sviluppato il primo gioco per iPhone da terze parti;
  • 10 OTTOBRE 2007: Viene rilasciato un programma per eseguire SEMPRE il Jailbreak di iOS 1.X(un po’ come accade oggi con GreenPoison e LimeRa1n);
  • GENNAIO 2009: Il Dev Team comincia a lavorare al Jailbreak Tethered sull’iPod Touch 2G(modello MB): nello stesso mese, viene rilasciata la prima versione di redsnow;
  • 10 MARZO 2009: Viene rilasciato il Jailbreak untethered per iPod Touch 2G da parte del Dev Team: il più del lavoro però, è stato eseguito da planetbeing;
  • 17 MARZO 2009: Rilascio da parte di Apple di iOS 3.0: il Dev Team prontamente, aggiorna Pwnage Tool e redsnow per permettere la modifica;
  • 9 SETTEMBRE 2009: Apple rilascia iOS 3.1, che corregge alcuni bug della versione precedente.

Anche in questo caso, il Dev Team rilascia una versione aggiornata di Pwnage tool e redsnow per effettuare il jailbreak di tutti i dispositivi(eccetto dell’appena uscito iPod Touch 3G);

  • 11 OTTOBRE E 2 NOVEMBRE 2009: George Hotz, alias geohot,rilascia blackrain, programma con cui è possibile jailbrekkare il proprio dispositivo con una tipologia untethered(tethered per iPod Touch 3G & iPhone 3Gs).

Sviluppa anche blacksnow, programma con cui è possibile effettuare lo sblocco della baseband;

Immagine di George Hotz(alias geohot),considerato da molti un ragazzo prodigio

  • FEBBRAIO 2010: Apple rilascia iOS 3.1.3
  • 3 MAGGIO 2010: Il Dev Team, con l’aiuto di comex, rilascia Spirit, programma che permette il Jailbreak untethered su tutti i dispositivi;
  • 24 GIUGNO 2010: Apple rilascia iOS 4;
  • 2 AGOSTO 2010: Comex, precedente autore di Spirit, rilascia “JailbreakMe”, software utilizzabile solamente tramite il web browser Safari degli iDevice.

Il Jailbreak è di tipo untethered, e supporta iOS 3.1.3,4 e 4.0.1;

  • 10 SETTEMBRE 2010: Apple rilascia iOS 4.1;
  • SETTEMBRE 2010: Clamorosa scoperta da parte di Pod2G, un membro del Dev Team: exploit che permette il Jailbreak PER SEMPRE su ogni dispositivo Apple uscito finora;
  • INIZI OTTOBRE 2010: Il Dev Team annuncia che rilascerà solamente il Jailbreak per iPhone 4, iPod Touch 4 e iPad;
  • 10 OTTOBRE 2010: Geohot risorge dall’ombra, e rilascia a sorpresa LimeRa1n, programma che permette il Jailbreka di TUTTI i dispositivi Apple presenti sul mercato.

Il Dev Team in risposta, usa lo stesso exploit di George, e rilascia il programma “GreenPoison”;

  • 24 NOVEMBRE 2010: Apple rilascia iOS4.2.1.

Attualmente, è disponibile il Jailbreak di tipo tethered per ogni dispositivo(iPhone 2G, iPhone 3, iPhone 3Gs vecchio boot, iPod Touch 2G MB sono untethered)

Il Jailbreak usato come tattica commerciale dall’Apple?

Nel mondo della modifica, è stata fatta una grande rivoluzione: di recente, è stato rilasciato un programma che permette la modifica PER SEMPRE, su OGNI dispositivo Apple uscito finora. Dal Dev Team, un gruppo di hacker, è stato inoltre detto che questa falla di sicurezza, era nota alla società della mela morsicata da tantissimo tempo. Allora perchè permettere di scoprirla agli hacker, che se ne sono accorti per caso? Basti pensare che gli iPad, da quando sono stati lanciati, hanno venduto oltre 100 milioni di unità, e ovviamente il motivo non è solo per la sua utilità, ma anche per i vantaggi che la modifica offre. Che sia una tattica commerciale per vendere più prodotti?[2].

Trionfo della legalità su App Store: Hackulous, papà di Installous e AppSync, chiude i battenti

20121230-180332.jpg

Pochi minuti fa, sul proprio sito ufficiale, Hackulous ha pubblicato un post dal titolo “Goodnight, sweet prince” in cui si annuncia la chiusura definitiva del portale e di tutte le attività ad esso collegate. Attività che in questi anni avevano pesantemente condizionato l’App Store a seguito della diffusione di applicazioni illecite che potevano essere installate sui terminali jailbroken.

Anche se per molti è valida l’espressione “jailbreak = pirateria“, in realtà la storia ci insegna che non è mai stato questo l’obiettivo degli hacker di iOS. Dal primo sblocco realizzato da GeoHot per rendere compatibile l’iPhone 2G con le frequenze di operatori diversi da AT&T, l’obiettivo è stato sempre quello di rendere più accessibile e personalizzabili i dispositivi Apple, consentendo ai proprietari di installare programmi normalmente non accettati su App Store che potessero sbloccare determinate funzioni o modificare quelle già presenti. E questo continua ad essere l’obiettivo dei vari hacker attivi nel settore iOS, anche oggi che il jailbreak sembra esser diventato solo un miraggio o quasi.

Hackulous chiude oggi i battenti e con esso tutte le attività (illecite) portate avanti in questi anni. Un vero e proprio trionfo per la legalità su App Store. Ecco quanto riportato sul sito ufficiale di Hackulous:

Goodnight, sweet prince.

We are very sad to announce that Hackulous is shutting down. After many years, our community has become stagnant and our forums are a bit of a ghost town. It has become difficult to keep them online and well-moderated, despite the devotion of our staff. We’re incredibly thankful for the support we’ve had over the years and hope that new, greater communities blossom out of our absence.

With lots of love,
Hackulous Team

Riassumendo il tutto, Hackulous ha annunciato la chiusura definitiva del proprio portale dopo diversi anni di “attività” in cui si era creata una vera e propria community di utenti che contribuivano allo sviluppo della stessa, producendo e condividendo materiale illecito. Da quanto si leggo, il motivo della chiusura di Hackulous è da ricercarsi nell’ormai spento interesse da parte degli utenti nella fruizione dei servizi offerti. “I forum sono diventati delle città fantasma”, scrive il team di Hackulous.

Due tra i più famosi “servizi” di Hackulous offerti in questi anni – dal 2008, anno in cui fu lanciato l’App Store, ad oggi – sono stati senza dubbio Installous e AppSync, software disponibili esclusivamente tramite Cydia utilizzando la repository del team di sviluppo.

Seppur non vi siano stati commenti a riguardo da parte di Hackulous, con ogni probabilità sia Installous che AppSync non verranno più aggiornati in futuro per supportare le nuove versioni di iOS e relativi jailbreak. Il primo, poi, basando buona parte del suo funzionamento proprio sui server di Hackulous, potrebbe smettere di funzionare già nei prossimi giorni. Non sappiamo dirvi se, come accaduto in passato con altri siti, vi siano state intimidazioni da parte di Apple (volte a tutelare il lavoro svolto dagli sviluppatori dell’App Store) che abbiano così “suggerito” la chiusura di Hackulous ai proprietari.

In ogni caso, quella di oggi è una svolta che potremmo definire “epocale”: epocale per l’App Store, visto che, probabilmente, il rischio che un’app possa essere craccata e distribuita sarà minore, ed epocale per il jailbreak, che ci auguriamo possa tornare ad essere inteso come una procedura per “liberare” il dispositivo da quelle che sono le sue limitazioni piuttosto che come un metodo per ottenere applicazioni pirata.

12/12/12 alle 12.12.12 i vecchi iPhone ricevono una nuova linfa: Whited00r 6.0

Whited00r è il più famoso tra i firmware alternativi ad iOS ed è dedicato ai modelli di iPhone che non supportano i nuovi aggiornamenti di Apple. Oggi è stata rilasciata la nuova versione 6.0 che si ispira ad iOS 6. Scopriamone i dettagli.

Da circa due anni Whited00r.com é il punto di riferimento per i possessori di iPhone 2G, iPhone 3G, iPod Touch 1G e iPod Touch 2G, perché è il luogo virtuale dove trovare supporto dedicato e totalmente gratuito per questi dispositivi più datati. Grazie ai firmware sviluppati da Whited00r si possono migliorare le prestazioni del dispositivo ed avere le features presenti solo su versioni iOS più recenti, non rilasciati ufficialmente da Apple per dispositivi di prima generazione.

Oggi, 12/12/12 alle ore 12:12:12 GMT è stata rilasciata la versione Whited00r6 che introduce una serie di novità grafiche e funzionali che ricordano iOS 6. Di seguito il comunicato:

L’importanza di Whited00r.com é sempre più consistente: la piattaforma vanta ad oggi oltre 15.000 visitatori unici giornalieri, circa 3.000 download del firmware ed oltre 1.000 attivazioni di nuovi device ogni giorno. Dalla sua nascita ha ricevuto oltre 4.000.000 di visitatori provenienti da 221 paesi di tutto il mondo.
“Lo staff di Whited00r.com é lieto di annunciare Whited00r6: major update per tutti i device Apple più datati”, comunicano i membri del development team di Whited00r. “Questo risultato è stato raggiunto grazie al supporto di tutti gli utenti che hanno lavorato e aiutato all’interno del forum” hanno poi aggiunto. La relase ufficiale è fissata per il 12/12/12 alle ore 12:12:12 GMT.
Whited00r6 offre un ambiente molto simile all’aggiornamento software ufficiale iOS6 disponibile da quest’anno per i dispositivi di ultima generazione. Whited00r6 é completamente rinnovato rispetto alla precedente versione e racchiude più di due anni di lavoro se confrontato con l’ultimo firmware rilasciato ufficialmente da Apple per iPhone 2G, iPhone 3G, iPod Touch 1G e iPod Touch 2G.
strumento per la condivisione sui social networks ed un nuovo strumento per la gestione avanzata delle prestazioni del dispositivo.
Whited00r6 si pone come alternativa al firmware originale Apple sia per un’utenza inesperta (garantendo facilità nell’installazione) sia per utilizzatori avanzati.
Whited00r.com ha avviato una collaborazione con “AppTimeMachine.com”, piattaforma online che raccoglie tutte le applicazioni compatibili con i dispositivi più datati con l’obiettivo di risolvere il limite che comprendeva anche la precedente versione: la mancanza di apps compatibili con firmware non aggiornati. L’utente Whited00r6 può accedere contemporaneamente sia all’AppStore sia allo store alternativo dove sono raccolte tutte le applicazioni testate su iPhone 2G, iPhone 3G, iPod Touch 1G e iPod Touch 2G.

Le features principali introdotte in Whited00r6 sono:

  • Controllo vocale simile ad “Apple Siri”
  • Accesso diretto allo store mobile “AppTimeMachine.com”
  • Menù condivisione per “Safari” e “Immagini” come su iOS6
  • Applicazione “Promemoria” versione iOS6
  • Cartelle
  • Immagine di sfondo sulla “HomeScreen”
  • Registrazione video ad alta qualità su iPhone
  • Backup applicazioni su “Dropbox” (simile ad iCloud)
  • Abilitazione MMS e Tethering anche su iPhone2G
  • Utili bookmarklets integrati in “Safari” (funzione “Reader”, “Trova nella Pagina”, ..) – suite di strumenti da riga di comando per le personalizzazioni avanzate

Nel seguente video vengono presentate tutte le novità:

Quindi davvero tante novità che permettono ai possessori di iDevice che non supportano iOS 6 di avere comunque delle funzionalità interessanti, senza però compromettere le prestazioni, anzi il team di sviluppo di Whited00r è riuscito ad applicare un’ottimizzazione globale grazie ad un’accurata disabilitazione di servizi di sistema, quindi un iPhone3G con installato Whited00r6 può avvicinarsi e quasi eguagliare le prestazioni di un iPhone 3GS originale.

L’aggiornamento è completamente GRATUITO ed è compatibile con iPhone 2G,iPhone 3GiPod Touch 1GiPod Touch 2G ed è disponibile sul sito ufficiale di Whited00r, in particolare seguendo QUESTO link troverete le istruzioni per installarlo

JLAUNCHER: UNA NUOVA VISUALIZZAZIONE PER IL MULTITASKING DI IOS | APPLESPACE BLOG CYDIA

jlauncher iconjLauncher è un nuovo tweak che cambia completamente la gestione del Multitasking.

jlauncher1JLauncher

Questo tweak sviluppato da John Corbett, visualizza in un nuovo stile del tutto rinnovato il classicoMultitasking di iOS proprio come fatto precedentemente da MissionBoard ProAero e Imperium. Una volta richiamato il tweak tramite l’integrazione con Activator, comparirà un’unica schermata contenente tutte le informazioni relative ad applicazioni in uso, musica e immagine dell’album riprodotto, slide per correggere la luminosità ed il volume e l’ora e la data correnti. SemplicementejLauncher richiama in una pagina quello che altrimenti si dovrebbe visualizzare nella piccola barra del Multitasking, facilmente sostituibile scegliendo come gestures di attivazione il doppio click del tasto Home.

via: hackyouriphone

GUIDA: Come installare il Flash Player su iPad, iPhone, iPod Touch con Frash! AGGIORNATO COMPATIBILE CON IOS 7

-Zeusmos: la perfetta alternativa a installous è vShare

Se avete un iPad 1 – 2 – 3 – 4 – Air – mini, un iPhone 5S – 5C – 5- 4S – 4 – 3GS, 3G o un iPod Touch di

terza ,quarta o quinta generazione e proprio non riuscite a mandare giù la scelta da parte di Apple di non implementare il Flash Player allora questa guida fa per voi. Comex, il creatore del tool Spirit è riuscito a portare Flash 10.1 sui dispositivi Apple. Ecco come fare.

fls

Per scaricare le applicazioni a pagamento in maniera gratuita seguite la guida che trovate cliccando QUI.

Esistono molti metodi per utilizzare il Flash Player di Adobe su iPad, iPhone e iPod Touch, vediamo quali:

METODO 1: ( scelta consigliata sempre funzionante )

Il primo metodo è il più semplice ed è anche quello più efficace. Consiste nello scaricare da AppStore l’ applicazione Puffin, si tratta di un vero e proprio browser che potremo sostituire a Safari, inoltre funzionerà su tutti i dispositivi e non necessita di Jailbreak o altre procedure complesse. Grazie a Puffin potremo utilizzare quasi tutti i contenuti flash con una fluidità ottima, Puffin è acquistabile in App Store:

———————————————————————————————————–-

-La lista completa dei siti da dove è possibile scaricare .ipa gratuitamente!!

Se siete interessati al flash player per guardare i filmati su Megavideo e servizi simili potete seguire questa guida se avete il Jailbreak oppure questa qui se non avete il Jailbreak.

METODO 2:

REQUISITI:

– iPad (mini e normale) , iPhone 3GS, iPhone 4, iPhone 4S, iPod Touch 3G, 4G, 5G Jailbroken (Clicca QUI per le GUIDE)

– Il dispositivo deve essere connesso a Internet in Wi-Fi o 3G per tutta la procedura.

PROCEDURA:

1 – Aprite Cydia sul vostro dispositivo.

2 – Recatevi sul Tab “Manage” e poi su “Sources”.

3 – A questo punto andate su “Edit” in alto a destra e poi su “Add” in alto a sinistra.

4 – All’ interno della barra degli indirizzi scrivete  http://repo.benm.at  e andate su Add Source.

5 – Quando Cydia finirà il caricamento spostatevi sul Tab Search e digitate “Frash” , selezionate il primo risultato della ricerca e Installatelo con il tasto in alto a destra.

6 – Riavviamo il dispositivo al termine del caricamento di Cydia e avremo finito! Ora abbiamo il Flash Player installato sul nostro dispositivo!

Ricordiamo che è una versione ancora molto acerba e che funziona solo con determinati contenuti, per utilizzarla basta selezionare la scritta Flash che apparirà sopra un contenuto supportato e attendere il caricamento.

———————————————————————————————————–

come scaricare da youtube musica / video / audio (GUIDA PER Mac) 

Se avete problemi con questa guida potete installarlo manualmente in questo modo:

REQUISITI:

– iPad, iPhone 3GS, iPhone 4, iPod Touch 3G o 4G Jailbroken (GUIDA)

– Scaricate Frash-0.01

– OpenSSH installato tramite Cydia.

– Un client SSH installato sul Computer (CyberDuck per Mac | WinSCP per Windows)

PROCEDURA:

1 – Collegatevi tramite il vostro client al vostro dispositivo via SSH (Username: root | Password: alpine)

2 – Recatevi a questo indirizzo /var/root/Media

3 – Aprite la cartella Media e all’ interno create una nuova cartella chiamata Cydia.

4 – All’ interno della cartella Cydia appena creata, createne un’ altra nominandola AutoInstall

5 – Copiate il file Frash-o.o1.deb precedentemente scaricato nella cartella AutoInstall, una volta che il processo sarà terminato riavviate il vostro dispositivo e godetevi il tanto desiderato Flash Player tramite Safari!

flash