Apple annuncia iLife gratis tra cui iMovie, iPhoto, Pages, Keynote e Numbers per iOS 7

 

 

Tim Cook si sofferma a parlare di iWork, la suite di lavoro di Apple e della suite iLife. Vengono elencate le qualità di tutte le applicazioni, quindi di Keynote, Pages, Numbers, iPhoto, iMovie. L’annuncio che fa felici tutti però è che esse saranno gratuite d’ora in poi!

iphone2013-0052

 

La suite iWork stimola la produttività, grazie alla possibilità di creare splendidi documenti con Pages, grafici semplici da interpretare con Numbers e esaurienti presentazioni con Keynote.

La suite iLife stimola invece la creatività, grazie alla possibilità di modificare e creare bellissime presentazioni con iPhoto ed editare e personalizzare a nostro piacimento i nostri filmati con iMovie.

Tutte queste applicazioni da oggi saranno disponibili gratuitamente per tutti coloro che acquisteranno un nuovo iPhone o un nuovo iPod di quinta generazione, mentre per tutti gli attuali possessori di dispositivi iOS resteranno, purtroppo, a pagamento.

Annunci

iPhone display da 4,8 pollici per il nuovo smartphone Apple | Concept

A partire dal prossimo anno, di vedere sul mercato un nuovo melafonino con schermo da ben 4,8 pollici. Subito dopo la notizia diffusa da DigiTimes, il team del sito russo AppleDigger.ru ha realizzato un nuovo concept.

iphonemath

Il nome ovviamente è ancora un mistero, ma molti lo hanno già ribattezzato comeiPhone “Math” o iPhone “Plus”. Tuttavia, tralasciando tali superficialità, il punto forte del probabile device è senza dubbio il nuovo schermo. Con i suoi 4,8″ questo nuovo schermo potrebbe rappresentare la svolta per Apple, la quale offrirebbe un terminale in linea con i propri competitors. Di seguito vi mostriamo il video del concept in questione:

Come potete vedere i “tratti somatici” sono rimasti pressocchè identici a quelli dell’iPhone 5, tant’è che gli autori del video lo definiscono iPhone 5 “Math”. Ovviamente le novità non possono limitarsi al solo schermo, quindi sarà montata una fotocamera da 12 megapixel e ovviamente nuove tipologie di CPU e GPU che daranno un mix di potenza e fluidità al probabile smartphone made in Cupertino.

Ovviamente essendo un concept non è detto che rispecchi la realtà, visto che fino ad oggi il punto fisso della Apple, impostato da Steve Jobs, è sempre stata la maneggevolezza del dispositivo. L’iPhone 5, seppur dotato di schermo da 4″, è ancora comodamente utilizzabile con una mano sola, ma probabilmente Tim Cook si sta rendendo conto che i tempi sono cambiati e che la società ha bisogno di cambiare mentalità. Voi cosa ne pensate di un iPhone con display da 4,8″?

Le vendite del primo fine settimana di iPhone 5 in Cina raggiungono i 2 milioni

BEIJING—17 dicembre 2012—Apple ha annunciato oggi di aver venduto oltre due milioni del proprio nuovo iPhone 5 in Cina, ad appena tre giorni dal lancio, avvenuto il 14 dicembre. iPhone 5 sarà disponibile in più di 100 Paesi entro la fine di dicembre, diventando così l’iPhone dalla più rapida diffusione di sempre.

“La reazione dei clienti all’iPhone 5 in Cina è stata incredibile e abbiamo fissato un nuovo record grazie al miglior primo weekend di vendite mai ottenuto in Cina,” ha dichiarato Tim Cook, CEO di Apple. “La Cina è un mercato molto importante per noi, e qui i nostri clienti non vedono l’ora di acquistare i prodotti Apple.”

iPhone 5 è l’iPhone più sottile e leggero di sempre, con un design interamente rinnovato: ha un nuovo, favoloso display Retina da 4 pollici, un chip A6 progettato da Apple per prestazioni incredibili, tecnologia wireless ultraveloce* e un’autonomia della batteria superiore.** iPhone 5 include iOS 6, il sistema operativo mobile più evoluto al mondo, con oltre 200 novità, fra cui: Streaming foto condivisi, la nuovissima app Mappe, Passbook e Siri con ancora più funzioni e lingue supportate, incluso il mandarino.

*Le velocità di rete dipendono dai network dell’operatore; contatta il tuo operatore per maggiori dettagli.
**La durata della batteria dipende dalle impostazioni del dispositivo, dall’utilizzo e da molti altri fattori. I risultati effettivi possono variare.

Apple progetta i Mac, i migliori personal computer al mondo, insieme a OS X, iLife, iWork e software professionali. Apple sta guidando la rivoluzione della musica digitale con i propri iPod e con il negozio online iTunes. Apple ha reinventato la telefonia mobile con i suoi rivoluzionari iPhone e App Store, e sta definendo il futuro dei media in ambito mobile e dei dispositivi portatili con iPad.

5 ottobre 2012: un anno senza Steve Jobs


4 ottobre 2011, ore 10 di San Francisco: Apple è pronta a presentare l’iPhone 4S in una location inusuale per un evento così importante. Tim Cook, CEO da meno di due mesi, non ha scelto il classico Yerba Buena Center, ma ha preferito il più intimo campus Apple di Cupertino per mostrare al mondo il tanto atteso smartphone. Una scelta inusuale, dicevamo, ma che avremmo capito solo 24 ore dopo: Steve Jobs stava male, molto male, e la famiglia Apple non poteva allontanarsi dal suo fondatore. Anzi, gli ha riservato una poltrona in prima fila. La sua seconda casa, il Campus di Cupertino, era stata mestamente addobbata per la presentazione di questo iPhone, perchè è lì che sono nati tutti i sogni di Steve Jobs, ed è lì che quella sedia vuota rimarrà per sempre. Oggi, ad un anno dalla sua scomparsa, domani e sempre.

A sole 24 ore dalla presentazione dell’iPhone 4S, Steve Jobs ci lasciava, stroncato da una malattia divenuta ormai incurabile. Il cancro lo ha portato via all’età di 56 anni, nel pieno della sua attività lavorativa, quando il genio di quest’uomo stava realizzando dispositivi che avrebbero rivoluzionato la vita di milioni di persone, tra iPhone, iPod, iPad, Mac e tanto altro!

Solo 24 ore dopo quel fatidico 4 ottobre, capimmo che quella sedia sarebbe stata per sempre vuota. Un vuoto, però, che non significa rassegnazione, ma voglia di continuare un progetto che Apple vuole portare avanti per sempre: creare dispositivi ogni volta migliori, che rendano più semplice la vita di ogni utente. Magari in modo diverso, perchè sarebbe stato impossibile, e forse anche ridicolo, cercare di emulare ogni comportamento del suo fondatore.

Forse proprio per questo Steve Jobs ha scelto come suo successore Tim Cook, un uomo profondamente diverso da lui per carattere e fascino, ma genio a suo modo per pragmaticità e sapienza nel saper gestire al meglio le catene produttive dei prodotti. Jobs avrebbe potuto scegliere persone a lui più simili, come l’amico Jony Ive o il guru di iOS Scott Forstall, ma forse il messaggio che ha voluto lasciare ai suoi dirigenti è stato: “Ragazzi, Apple è Apple, non è Steve Jobs e andrà avanti anche senza di me, perchè al centro di tutto vi è il prodotto, non l’uomo”.

E in questo anno sono cambiate tante piccole cose. Non, appunto, i prodotti, perchè tutti i dispositivi presentati in questi ultimi mesi sono stati visti e approvati da Steve Jobs. Già, malgrado a qualcuno piaccia dire “se ci fosse stato Steve Jobs Apple avrebbe prodotto un iPhone diverso“, sappiamo che proprio Jobs ha lavorato fino agli ultimi giorni della sua vita sul nuovo iPad, su iOS 6 e sull’iPhone 5, e sappiamo che lui ha voluto realizzare  Mappe di Apple, lasciando definitivamente Google. Ancora, lui stesso ha approvato l’iPad mini, un prodotto che ancora deve essere presentato. Insomma, Apple è cambiata, ma per vedere i veri cambiamenti sui prodotti e sul software dobbiamo aspettare ancora qualche anno. Per il momento, dicevamo, sono cambiate altre cose…

Tim Cook ha cercato di dare un’impronta diversa alla gestione della società, e oggi i dipendenti sembrano più sereni rispetto a quando il grande capo era Steve Jobs che, ricordiamolo, era sì un genio, ma anche un “piccolo bastardo” a suo modo. Insomma, non una persona facile con cui confrontarsi.  Cook ha anche cambiato i ritmi di produzione, ha migliorato i rapporti con diversi partner, ha dato più importanza ad alcuni aspetti che Steve Jobs non amava (beneficenza, benefit per i dipendenti) e ha organizzato keynote che fossero più “concerti da orchestra” che non esibizioni di un solista.

Certo, ci sono stati degli intoppi, ma sono cose che sono sempre capitate anche quando alla guida vi era Steve Jobs. Forse non tutti ricordano che il primo MobileMe fu un disastro e Jobs fu costretto a tagliare un bel po’ di teste e a iniziare lo sviluppo di iCloud. Molti, invece, ricorderanno l’antennagate dell’iPhone 4, con diversi dispositivi che, in alcune condizioni, perdevano segnale. Insomma, Steve era un genio, ma nessuno può essere perfetto.

In una cosa, però, Tim Cook sembra aver fallito, almeno in questo suo primo anno da CEO: la segretezza. Mai, infatti, era capitato che un dispositivo importante come l’iPhone fosse praticamente già conosciuto 6 mesi prima della sua presentazione. L’unica eccezione vedeva proprio Jobs protagonista, quando nel 2010 un ingegnere dimenticò l’iPhone 4 in un bar. Ma quello fu l’errore di una persona, mentre quest’anno è venuto a mancare proprio il controllo sulla sicurezza. Di sicuro, Cook avrà imparato dagli errori e sarà difficile che si ripetano i fatti avvenuti quest’anno.

Per il resto, se dobbiamo badare anche ai numeri (e Apple è pur sempre un’azienda), Tim Cook ha macinato record su record: dalle vendite degli iPad di terza generazione, ai dati sull’iPhone  che mai aveva venduto così in passato, fino ad arrivare alle azioni che hanno superato anche il valore di 700$. Insomma, Tim Cook sta gestendo bene l’azienda che, magari, appare un po’ meno affascinante, ma sicuramente più sicura dei suoi mezzi.  Apple non sarà più la stessa, ma le linee guida tracciate da Jobs rimarranno per sempre.

Come tante persone che hanno conosciuto Jobs e che conoscono Apple, anche noi possiamo credere che il DNA del suo fondatore rimarrà per sempre tra le mura del campus, perchè lui era troppo perfezionista per lasciare qualcosa al caso. Gli uomini che guidano oggi questa azienda sono state scelte da Steve Jobs e sono loro che hanno il compito di seguire un percorso avviato anni fa. E, come scrisse lo stesso Steve Jobs il 24 agosto del 2011, “credo che i giorni più luminosi e innovativi di Apple debbano ancora venire“.

Ecco tutte le novità dell’evento Apple riassunte per voi in un solo articolo! iPhone 5 ai nuovi iPod e iOS 6

 

Si è appena concluso un altro appuntamento settembrino targato Apple che, dopo la presentazione dell’iPhone 4S dello scorso anno, è diventato già una tappa fissa per i fan del melafonino e appassionati del panorama Hi-Tech. E’ stato uno dei più attesi, se non il più atteso, degli ultimi anni e sono tante le novità che sono state svelate da questa sera da Tim Cook e compagni. Ripercorriamo insieme la storia di questo keynote tra iPhone 5, i nuovi iPod, iOS 6 e tanto altro ancora!

Le Statistiche

Si comincia, come sempre, con le statistiche aziendali. Cook parla degli stores, che da venerdì raggiungeranno una copertura di 13 paesi, da sempre considerati uno dei punti di forza della società.

Si parla di Mac e di iPad, del successo del nuovo MacBook Pro con retina display, degli oltre 7 milioni di download per Mountain Lion e dei 17 milioni di tablet venduti tra aprile e giugno, 84 milioni dalla messa in vendita del primo modello. Cifre esorbitanti che pongono Apple come leader del mercato, con il 68% del mercato dei tablet. Le vendite di questi ultimi sono addirittura superiori alle vendite di PC nell’ultimo trimestre. I devices iOS in generale hanno raggiunto a giugno una quota di 400 milioni di vendite.

A Cupertino non è una sola entità a fare la differenza ma la forza del gruppo e dei comparti. Grande merito va anche all’App Store che con le sue oltre 250.000 app per iPad è un punto di riferimento per gli utenti che hanno scelto e scelgono iOS 6.

Numeri a parte è tempo di iPhone. Dal 2007 Apple ha decisamente cambiato il mondo della telefonia e spera di imporsi ancora come leader con il nuovo modello.

iPhone 5 e iOS 6

Impressionante come i rumors si siano avvicinati così tanto al modello presentato da Apple.

Design

Dal punto di vista del design iPhone 5 ha uno spessore di soli 7,6 millimetri, undisplay retina da 16:9 con risoluzione di 1136×640. Come ampiamente anticipato, il dock a 30 pin viene sostituito dal nuovo cavo a 8 pin. Sulla parte bassa del melafonino c’è spazio anche per il jack delle cuffie che non si troverà più nella parte superiore.

I colori rimangono i due ormai classici Nero e Bianco con la nuova caratteristica di un back in alluminio e la scocca in color Ardesio o Argento.

  • Altezza: 123,8 mm
  • Larghezza: 58,6 mm
  • Profondità: 7,6 mm
  • Peso: 112 g

 

Rete e Wireless

Novità anche per il comparto rete e connettività. iPhone 5 supporterà le reti ad alta velocità LTE, oltre al protocollo HSPA+ e DC-HSDPA. Grazie alla connettività wireless 802.11n dual band il Wi-Fi arriva fino a 150 Mbps.

  • Modello GSM: GSM/EDGE
  • UMTS/HSPA+
  • DC-HSDPA
  • Modello CDMA: CDMA EV-DO Rev. A e Rev. B
  • LTE3
  • Wi-Fi (802.11a/b/g/n; 802.11n a
    2,4GHz e 5GHz)
  • Bluetooth 4.0
  • GPS e GLONASS

Processore e Batteria

L’iPhone 5 monta il Chip A6 (Quad-core) che rende tutto molto più veloce: anche fino a due volte rispetto al chip A5. Le app con tanti elementi grafici viaggiano al massimo, e il frame rate maggiore rende tutto più fluido e realistico quando si gioca.

La batteria è stata migliorata, nonostante il nuovo iPhone debba sopportare grossi sforzi soprattutto in ambito grafico:

  • 8 ore in chiamate 3G
  • 8 ore in navigazione 3G
  • 8 ore in navigazione LTE
  • 10 ore di navigazione in WiFi
  • 10 ore di visualizzazione video
  • 40 ore di ascolto musica
  • 225 ore in standby

Fotocamera e Video

La fotocamera è di 8 megapixel (risoluzione 1080p HD), ma con notevoli miglioramenti soprattutto per quanto riguarda l’allineamento delle lenti. La nuova modalità Dinamy Low Light registra i cambiamenti di luce e permette di ottenere foto migliori. La fotocamera è del 25% più piccola e il 40% più veloce nell’acquisizione delle foto.

Le foto sono acquisite a 3264 x 2448pixel, e grazie alla nuova funzione Panorama si possono acquisire foto panoramiche di ben 28 megapixel. E’ presente il riconoscimento facciale e da oggi sarà possibile scattare foto durante l’acquisizione di un video.

 

Nuovi Auricolari

EarPods è il nome delle cuffie che prenderanno il posto degli auricolari distribuiti finora dalla società della mela morsicata. Non si ancora molto a riguardo e sicuramente verrano svelati nuovi dettagli già dai prossimi giorni.

Disponibilità

L’iPhone 5 sarà disponibile in Italia a partire dal 28 settembre.

.

Maggiori dettagli su iPhone 5

.

Prezzi

prezzi per gli iPhone a contratto in USA rimangono invariati. Per quanto riguarda l’Italia, sono ancora del tutto sconosciuti, ma basandoci su alcuni calcoli, l’iPhone 5 dovrebbe avere un costo di partenza di 729€ per il modello da 16GB. Tutti i dettagli qui.

 

iOS 6: Siri, Mappe, Passbook e tanto altro ancora

Siri

Finalmente col nuovo iPhone e il nuovo OS di Apple l’assistente vocale parlerà italiano. Siri acquista nuove funzionalità: potrete chiedere ad esempio di ricercare informazioni su un qualsiasi sport o un atleta, o cerare i ristoranti nelle vicinanze. Sarà inoltre possibile aggiornare il proprio stato su Twitter e Facebook direttamente da Siri.

Ecco alcune delle funzionalità:

  • Chiedi un risultato sportivo
  • Scegli un film
  • Trova un ristorante
  • Posta su Facebook o Twitter
  • Lancia un app
  • Controlla il meteo
  • Invia un Messaggio
  • Aggiungi un promemoria, manda una mail o fissa un appuntamento
  • Chiedi indicazioni

Con Siri basta usare la voce per inviare messaggi, fissare riunioni, telefonare e fare molte altre cose. Basta fare una domanda parlando con naturalezza.

 

Mappe

Con iOS 6, Apple ha deciso di abbandonare le mappe di Google e di creare un nuovo servizio di navigazione in collaborazione con TomTom. È stato inserito un sistema di ricerca dei punti d’interesse e un sistema di navigazione vocale turn-by-turn.

Le mappe di Apple funzionano anche in landscape e possiedono una nuova visualizzazione in 3D davvero ben realizzata.

iOS 6 verrà rilasciato il 19 Settembre.

.

.

Streaming Foto

Streaming Foto, in iOS 6, è stato migliorato introducendo la possibilità di condividere gli album creati con tale servizio. Potrete invitare un vostro amico a visualizzare le vostre foto condivise e potrete anche rendere pubblici i vostri album.

Telefono

L’applicazione telefono, in iOS 6, è stata notevolmente migliorata. Alla ricezione di una chiamata, infatti, avrete accesso ad un nuovo menu a comparsa dal quale potrete rifiutare la chiamata con un SMS o impostare un promemoria per ricordarvi di richiamare il contatto.

FaceTime

FaceTime, con iOS 6, è utilizzabile anche su rete 3G e HSDPA (solo su iPhone 4S e successivi). Queste sono solo le principali novità di iOS 6, ma ce ne sono molte altre minori che scopriremo solo utilizzando i nostri dispositivi.

 

Safari e Mail

iOS 6 porta numerosi miglioramenti anche a Safari. È stata introdotta la modalità fullscreen per la visualizzazione orizzontale ed è possibile sincronizzare i tab aperti con tutti gli altri dispositivi tramite iCloud. Anche Mail in iOS 6 è stato migliorato e velocizzato notevolmente. Per aggiornare le e-mail in ingresso, ora, sarà sufficiente effettuare un pull-to-refresh. Con le caselle VIP, inoltre, potete impostare dei mittenti speciali, che avranno un avviso differente per le mail.

 

iPod Nano

Il nuovo nano non potrà essere indossato, ma ci sono molte novità degne di nota. L’aumento delle dimensioni generali non ha influito sullo spessore, il nuovo modello è il 38% più fino del precedessore. Viene introdotto anche un display più ampio (sempre touchscreen) e il tasto Home, proprio come su iPhone e iPad (o per rimanere nel mondo iPod come il touch).

7 i colori disponibili: nero, rosa, silver, verde, azzurro, giallo e rosso. Altra novità da menzionare è sicuramente il tanto desiderato Bluetooth.

 

L”iPod nano sarà disponibile in rosa, giallo, azzurro, verde, viola, argento e ardesia ad ottobre sia presso gli Apple Store e i Rivenditori Autorizzati Apple sia sull’Apple Online Store.

Il prezzo di vendita suggerito è:

  •  179€ per il modello da 16GB

 

iPod Touch

Arrivano durante il keynote Apple di quest’oggi anche i nuovi modelli di iPod Touch, giunti finalmente alla quinta generazione. L’acclamatissimo iDevice curato sino ad oggi in modo parallelo e simile all’iPhone sia negli aspetti estetici che in quelli funzionali ha subito una grande rivisitazione.

All’interno della scocca troviamo una CPU A5 dual-core due volte più performante della precedente e una GPU dual-core in grado di fornire prestazioni grafiche anche in questo caso raddoppiate. Fotocamera iSight con sensore da 5 megapixel, autofocus, flash LED, filtri ibridi IR, e apertura f2.4.

Importanti novità arrivano anche per FaceTime, supportato in HD da una camera anteriore a 72op, per il chip Bluetooth, disponibile in versione 4.0, e per l’AirPlay e Siri, finalmente disponibili anche sul dispositivo top di gamma per la linea iPod. Anche in questo caso il cavo sarà a 8pin.

Sarà disponibile dal 14 settembre sull’Apple Online Store e ad ottobre sarà possibile acquistarlo presso gli Apple Store e i Rivenditori Autorizzati Apple e sull’Apple Online Store.

Il prezzo di vendita è di:

  • 329€  per il modello da 32GB
  • 439€ per il modello da 64GB

Per quanto riguarda invece l’iPod Touch di quarta generazione, sarà ancora disponibile all’acquisto nei tagli da:

  • 219€ per il modello da 16GB
  • 269€ per il modello da 32GB

 

iTunes 11

Anche iTunes vedrà una nuova luce. Il nuovo iTunes su Mac e PC ha un’interfaccia a finestra intera, più semplice e chiara, che mette sempre in primo piano i contenuti preferiti.

Nella nuova vista libreria si possono consultare più facilmente musica, trasmissioni TV e film, così si può cliccare sulla categoria di contenuti che si desidera sfogliare, senza distrazioni. La vista album espandibile consente invece di vedere gli elenchi di tracce per i singoli album mentre si continua a sfogliare la libreria musicale.

La nuova funzione di ricerca passa in rassegna l’intera libreria di iTunes, inclusi brani, film e trasmissioni TV. Il MiniPlayer è stato riprogettato per consentire agli utenti di controllare la musica più facilmente con una piccola barra degli strumenti: si può saltare alla canzone successiva o cercare qualcosa di nuovo da ascoltare, senza dover aprire la libreria.

Up Next è un nuovo modo divertente di vedere quali sono i prossimi brani in riproduzione e di mettere in coda altre canzoni o album che si desidera ascoltare in seguito.

Il player musicale sarà disponibile a partire da Ottobre.